« Maggio 2009 | Main | Luglio 2009 »

26.06.09

Buone vacanze a tutti

image-e57ee9294694e27a85708345fd14c06c[1].gif


Buone vacanze a tutti quelli che hanno concluso l'anno scolastico e anche...gli esami!!

21.06.09

Teatro dell'Opera di Roma - I Pagliacci


Teatro dell'Opera di Roma - I Pagliacci
Direttore musicale - Gianluigi Gelmetti
Regia di Franco Zeffirelli

maggio 09 043.jpg


Pagliacci 013.jpg


maggio 09 009.jpg

15.06.09

Esami di Stato di Licenza Media 2009

rubon13.jpg

In bocca al lupo!!

77.gif

Dal folclore della Sicilia al folclore del Lazio...22 anni dopo!

IMG_6660.JPG

“U Mottu di l’antichi mai falliu”

Indovinelli – Proverbi – Canti – Preghiere – Soprannomi – Filastrocche – Modi di dire – Dialoghi del territorio isnellese 1986/87

La raccolta effettuata dagli alunni della classe IIA e IIB della Scuola Media Statale “L. Pirandello” di Isnello affiancati dai docenti delle rispettive classi e curata dalla Prof.ssa M. R. Mazzola è nata dall’esigenza di studiare l’ambiente in cui la Scuola opera.
La ricerca è stata oggetto di programmazione da parte del Collegio dei Docenti che ha formulato il seguente obiettivo educativo-didattico: Valorizzazione dei rapporti culturali intercorrenti tra Scuola e ambiente locale.
A tal fine, il contenuto operativo è stato lo studio del territorio di Isnello dal punto di vista fisico-economico-sociale.
Poiché il lessico “’a parrata”, è parte integrante della vita di un popolo interessante e significativo è stato compiere una ricerca lessicale dalla viva voce degli abitanti di Isnello.
Le classi, opportunamente guidate, tramite interviste, colloqui e registrazioni hanno riportato alla luce i più comuni modi di dire, proverbi, filastrocche, canti, scioglilingua che hanno costituito e, in parte costituiscono ancora, il patrimonio lessicale degli abitanti di Isnello. Il lavoro svolto è stato condotto non dal punto di vista critico ma come rilevazione spontanea diretta del linguaggio dialettale trasmesso dalla gente ai ragazzi.
Il materiale raccolto è una testimonianza del linguaggio isnellese; il lavoro prodotto può essere premessa per ulteriori ricerche più approfondite.
Per i ragazzi è stata l’occasione per conoscere meglio l’autentico linguaggio isnellese e motivo di riflessione sui valori della vita, sulle virtù che l’uomo deve possedere, sui vizi e difetti che deve evitare, sul rispetto reciproco, sull’amicizia, sui rapporti familiari e sociali, sulla dedizione al lavoro, sulla conoscenza della natura delle stagioni, dei frutti della terra, del mondo animale, sulla concezione della figura maschile e femminile, nonché su altri aspetti della vita tra cui preminente quello religioso.
Il materiale prodotto mostra la ricchezza interiore degna di altissimo rispetto che, tramite il linguaggio, questa popolazione madonita ha sempre manifestato e continua a manifestare e che ne costituisce un vero vanto.
L’augurio più bello è che le nuove generazioni possano sempre conservare con il più alto rispetto ciò che il passato ha saputo regalare al presente e tramandarlo in avvenire.

Roma bella - Folclore del Lazio

Musica popolare, Poesia dialettale, Feste e ricorrenze tradizionali,
Teatri di Roma, Antichi mestieri, Proverbi, Cucina romana

La musica popolare è l’anima di un popolo. La poesia dialettale ne è l’espressione verbale. Il dialetto locale esprime le tradizioni e l’umanità della gente che ne fa uso.
Conoscere e saper apprezzare gli elementi del patrimonio folclorico locale, regionale e nazionale arricchisce la sensibilità di ognuno e ci restituisce il senso di appartenenza alla comunità di cui siamo parte.
Maneggiare le espressioni artistiche, riproducendone e rielaborandone i contenuti ci rende parti attive e proprietarie del nostro patrimonio culturale e delle nostre profonde radici.
Il progetto Roma bella della classe 2 C della S.M.S. G.B.Piranesi di Roma ha perseguito questo scopo.
Gli alunni della classe 2 C, con l’ausilio dei metodi combinati del Costruttivismo e del Costruzionismo sociale, in dinamiche alternate di lavoro di gruppo e individuale, facilitati dalle docenti di Musica (M.R.Mazzola) e di Lettere (D. Santoni), hanno percorso un coinvolgente itinerario didattico sul tema “FOLCLORE del LAZIO”. Hanno usato le TIC a partire dalla ricerca dei materiali audio/video/letterari, per continuare nella scelta ed elaborazione dei contenuti, nella realizzazione di due prodotti video Roma bella e Roma bella 2, pubblicati in rete su YouTube, e di una raccolta di contributi audio in mp3 a corredo, su supporto Cd, per giungere infine alla stesura della bozza e alla stampa definitiva di un libro usando semplici tecniche di scrittura collaborativa, di revisione e impaginazione di un testo con un Word processor.
A ciò si è aggiunta la cura dell’aspetto musicale pratico con l’orchestrazione di un saltarello e di una ballarella; l’esecuzione vocale di canti popolari del Lazio; l’esperienza dell’ascolto e della visione di contributi audiovisuali dedicati al tema oggetto della ricerca.
La semplicità dell’approccio e la curiosità di ciascuno rispetto a questi repertori ha conferito all’intero processo una pennellata di colore originale. I due metodi del Costruttivismo e del Costruzionismo sociale pongono al centro dell’attenzione l’interazione fra gli studenti, e la relazione fra gli studenti e l’oggetto di conoscenza. Il primo metodo, in particolare, si è interessato della relazione tra studente e oggetto di conoscenza, Il folclore nel Lazio, vista in termini concreti con la produzione di artefatti (libro, cd, video, esecuzioni musicali, balli folcloristici…,); il metodo del Costruzionismo sociale, invece, ha controllato la relazione tra gli studenti e la co-costruzione di una conoscenza che è derivata dal confronto delle conoscenze e dei punti di vista di tutti, studenti e docenti, impegnati in un unico processo di apprendimento collaborativo.
La bellezza delle nostre radici va difesa, rispettata e apprezzata. Ciò che si condivide e si contribuisce a tramandare alle future generazioni resta vivo nel tempo e questa è la responsabilità culturale di ciascun uomo di ogni epoca.
Maria Rosa Mazzola

11.06.09

Progetto eTwinning con la Grecia a.s.2008-09 Classe 2B

img069.jpg

http://blog.eun.org/rome-athenes/


Descrizione del progetto:

Il progetto didattico “Città d’Europa: Roma – Atene” si è proposto di stabilire un contatto culturale, epistolare e di apprendimento collaborativo tra alunni e docenti delle due scuole S.M.S. G.B.Piranesi di Roma Italia e 4o Gymnasio Peristeriou di Atene Grecia. L’ambiente di scambio e di pubblicazione dei materiali e dei risultati è stato il blog: Les villes d'Europe: Rome - Athènes. Prodotto finale del progetto è lo stesso blog in cui è stato possibile costruire uno spazio virtuale in cui postare espressioni artistico-musicali, racconti di tradizioni, feste, personaggi della cultura e della storia, aspetti della vita quotidiana contemporanea e storica dei due Paesi gemellati a partire dalle città di Roma e Atene. Siamo felici ed entusiasti della conoscenza e della collaborazione tra le due scuole partner e fieri del risultato raggiunto. Grazie eTwinning!

Link ai risultati del progetto:

Les villes d'Europe:Rome- Athènes http://blog.eun.org/rome-athenes/ Musica@scuola http://blog.eun.org/musica Video Automne http://www.youtube.com/watch?v=_xA4Sp5wHWI&feature=channel

Innovazione pedagogica e creatività:

L’uso delle TIC nella didattica delle discipline coinvolte, Musica e Lingua Francese, rappresenta l’approccio innovativo, sia nella formazione/insegnamento dei docenti che nell’apprendimento collaborativo da parte degli studenti. La creazione di artefatti didattici multimediali ne è l’aspetto creativo. L’uso delle nuove tecnologie nella didattica è ancora una novità, nella Scuola, che va potenziata in ogni occasione di progettualità. Gli studenti hanno risposto con entusiasmo alle attività proposte e hanno sviluppato il senso creativo, critico, estetico e di responsabilità.

Integrazione nel curriculum scolastico:

Il progetto è stato inserito nel POF della Scuola e ha fatto parte integrante dei Piani di Lavoro delle discipline coinvolte. La realizzazione, la cura e l’aggiornamento del Blog ha richiesto interventi sul processo di lavoro del progetto quasi quotidiani, in entrambe le discipline interessate.

Collaborazione fra scuole partner:

Si è stabilita, quasi immediatamente, una grande intesa tra le due scolaresche partner. I contatti tra docenti, sempre molto cordiali e affettuosi, sono stati condotti in modo asincrono (posta elettronica e commenti al blog) ma frequenti e con rapide risposte. Entrambi gli Istituti partner hanno lavorato ai medesimi aspetti del progetto: ricerca, elaborazione, traduzione, realizzazione di artefatti, pubblicazione nel blog. Gli studenti hanno partecipato attivamente, con idee spesso assai originali, e sono stati protagonisti di ogni aspetto del processo di lavoro.

Uso creativo delle TIC:

Abbiamo usato gli strumenti hardware del Laboratorio di Informatica e del Laboratorio di Musica della nostra Scuola e strumenti tecnologici personali: Pc, fotocamera, webcam, scanner, stampante, tastiera midi, ecc. Abbiamo usato la comunicazione a distanza e gli studenti hanno imparato ad usare: posta elettronica, chat in lingua veicolare, blog, Msn per lo scambio dei meta prodotti. Abbiamo usato diversi software per l’elaborazione dei video: ProShow Producer, Window Movie Maker. Software per la realizzazione di Presentazioni: Power-Point. Software per il ritocco di immagini: Paint. Software per la riproduzione audio e la conversione di file musicali.

Sostenibilità e trasferibilità:

Il progetto è trasferibile in qualsiasi grado e scuola europea e può essere utile a scolaresche di qualsiasi scuola data la pubblicazione nella rete Internet.
Prof.ssa Maria Rosa Mazzola

Classe 2B 2008-09

Rami Ahmed
Aziz Baklouti
Priscilla Bruno
Giulia Calvani
Giorgia Carranza Tejada Nidia
Maria Vittoria Carossino
Federico Comito
Davide Cultraro
Alice Di Nicolantonio
Jacopo Epifanio
Ilaria Fabrizio
Sofia Fazio
Francesco Gradi
Paul Isoko
Federica Leggiero
Elettra Maiorano
Ludovica Picone
Giulia Prosperi
Michela Rapone
Rodolfo Reda
Aina Shi
Quiang Quiang Sun
Edoardo La Marca Tesfamariam
Manuel Vaccari

Prof.ssa Maria Rosa Mazzola (referente eTwinning e Docente di Musica)
Prof.ssa Anna Maria Pansini ( Docente di L2 Francese)
mariarosa.mazzola@istruzione.it

Roma bella - Folclore del Lazio Classe 2C a.s. 2008-09

img066.jpg

La musica popolare è l’anima di un popolo. La poesia dialettale ne è l’espressione verbale. Il dialetto locale esprime le tradizioni e l’umanità della gente che ne fa uso.
Conoscere e saper apprezzare gli elementi del patrimonio folclorico locale, regionale e nazionale arricchisce la sensibilità di ognuno e ci restituisce il senso di appartenenza alla comunità di cui siamo parte.
Maneggiare le espressioni artistiche, riproducendone e rielaborandone i contenuti ci rende parti attive e proprietarie del nostro patrimonio culturale e delle nostre profonde radici.
Il progetto Roma bella della classe 2 C della S.M.S. G.B.Piranesi di Roma ha perseguito questo scopo.
Gli alunni della classe 2 C, con l’ausilio dei metodi combinati del Costruttivismo e del Costruzionismo sociale, in dinamiche alternate di lavoro di gruppo e individuale, facilitati dalle docenti di Musica (M.R.Mazzola) e di Lettere (D. Santoni), hanno percorso un coinvolgente itinerario didattico sul tema “FOLCLORE del LAZIO”. Hanno usato le TIC a partire dalla ricerca dei materiali audio/video/letterari, per continuare nella scelta ed elaborazione dei contenuti, nella realizzazione di due prodotti video Roma bella e Roma bella 2, pubblicati in rete su YouTube, e di una raccolta di contributi audio in mp3 a corredo, su supporto Cd, per giungere infine alla stesura della bozza e alla stampa definitiva di un libro usando semplici tecniche di scrittura collaborativa, di revisione e impaginazione di un testo con un Word processor.
A ciò si è aggiunta la cura dell’aspetto musicale pratico con l’orchestrazione di un saltarello e di una ballarella; l’esecuzione vocale di canti popolari del Lazio; l’esperienza dell’ascolto e della visione di contributi audiovisuali dedicati al tema oggetto della ricerca.
La semplicità dell’approccio e la curiosità di ciascuno rispetto a questi repertori ha conferito all’intero processo una pennellata di colore originale. I due metodi del Costruttivismo e del Costruzionismo sociale pongono al centro dell’attenzione l’interazione fra gli studenti, e la relazione fra gli studenti e l’oggetto di conoscenza. Il primo metodo, in particolare, si è interessato della relazione tra studente e oggetto di conoscenza, Il folclore nel Lazio, vista in termini concreti con la produzione di artefatti (libro, cd, video, esecuzioni musicali, balli folcloristici…,); il metodo del Costruzionismo sociale, invece, ha controllato la relazione tra gli studenti e la co-costruzione di una conoscenza che è derivata dal confronto delle conoscenze e dei punti di vista di tutti, studenti e docenti, impegnati in un unico processo di apprendimento collaborativo.
La bellezza delle nostre radici va difesa, rispettata e apprezzata. Ciò che si condivide e si contribuisce a tramandare alle future generazioni resta vivo nel tempo e questa è la responsabilità culturale di ciascun uomo di ogni epoca.
Maria Rosa Mazzola

IMG_6667.JPG

Pagine 164 con Cd-Rom allegato
Stampato a Roma il 27 maggio 2009

Visualizza l'e-book Roma bella

Roma bella - Folclore del Lazio

Sommario
PREFAZIONE
LA MUSICA POPOLARE: CARATTERI GENERALI
LE TRADIZIONI REGIONALI
LAZIO
I CARATTERI MUSICALI DEL REPERTORIO POPOLARE ITALIANO
LA MELODIA
L’ARMONIA
IL RITMO
L’INTENSITÀ
IL TIMBRO
IL DIALETTO LAZIALE
CARATTERI GENERALI
ELEMENTI SPECIFICI
UN DIALETTO LAZIALE, TANTI DIALETTI LAZIALI
LA TRADUZIONE A ROMA
LA TRADUZIONE A RIETI:
LA TRADUZIONE A LATINA
LA CANZONE DIALETTALE
IL SALTARELLO
SALTARELLO DI ATINA
BALLARELLA DI VEROLI
STORNELLI
GLI STORNELLI DEL SOR CAPANNA
A RIMINI CIAVEMO ‘NA FUNTANA
STORNELLI A DISPETTO DEI CARCERATI
STORNELLI AMOROSI
STORNELLI DEI FIORI
STRAMBOTTI E VARI
BELLA SEI ER LUNEDÌ A MATINA
NINNE NANNE
ANGELO MIO CONSOLATORE
CHE POSSI AVECCE QUATTRO FIJI MASCHI
CONTE E FILASTROCCHE
A BBI BBO,
DOMANI È FESTA,
CANZONI NARRATIVE
ALLA RENELLA
CANTI RELIGIOSI E MAGICI
CANZONI D’AUTORE
NINA, SE VOI DORMITE
BARCAROLO ROMANO
LE MANTELLATE
CENTO CAMPANE
LA ROMANINA
AFFACCETE NUNZIATA
CARROZZELLA ROMANA
ROMA CAPOCCIA
MEO PATACCA
LA POESIA DIALETTALE ROMANA
“ER MERCATO DE PIAZZA NAVONA” DI G. BELLI
DA “LA SCOPERTA DELL’AMERICA” DI C. PASCARELLA
DA “COSE DER MONNO”: LA LUMACA
DA “STORIA NOSTRA”: LA FONDAZIONE DI ROMA
“LA STATISTICA”
ACQUA E CELO DI MARIO DELL’ARCO
LA DIETA DI ALDO FABRIZI
MAGNA’ E DORMI’
L’INVITO
PROVERBI ROMANESCHI
ANTICHI MESTIERI DI ROMA
FESTE E RICORRENZE TRADIZIONALI ROMANE
06 GENNAIO LA BEFANA
LA NOTTE DE PASQUA BBEFANÌA
6 GENNAIO 1845
LA MATTINA DE PASQUA BBEFANÌA
IL CARNEVALE ROMANO
25 APRILE FESTA DI S. MARCO EVANGELISTA O DI PASQUINO
19 MARZO FESTA DI SAN GIUSEPPE
IL MAGGIO ROMANO
LA SASSAIOLA DI CAMPO VACCINO
13 GIUGNO, SANT’ANTONIO DA PADOVA,
FESTA DELLE FRAGOLE A CAMPODE’FIORI
( TRIONFO DELLE FRAGOLE )
24 GIUGNO, SAN GIOVANNI, LA NOTTE DELLE STREGHE
29 GIUGNO SANTI PIETRO E PAOLO
“LI FOCHETTI”
18 LUGLIO FESTA DELLA MADONNA DEL CARMINE
FESTA DE NOANTRI
5 AGOSTO MADONNA DELLA NEVE
LA NEVICATA A SANTA MARIA MAGGIORE
25 NOVEMBRE SANTA CATERINA
“ LI VENTICINQUE NOVEMBRE”
SAGRA DEL VINO
DA “UNA GITA AI CASTELLI”
I TEATRI DI ROMA
TEATRI SCOMPARSI
LA CUCINA ROMANA
“ALL’OSTERIA DELL’ILLUSIONE” DI GIULIANO SIVIGLIA
GIULIANO MALIZIA- “ER PANCOTTO”
“ER PANDORATO” DI ALDO FABRIZI
LA MATRICIANA MIA
“LA ROMANELLA”
“LA COTTURA”
“SACRILEGIO”
ER MORTORIO
LE RICETTE DI APICIO
PULLUM NUMIDICUM
POLLO NUMIDICO
TISANA BARRICA
ZUPPA D’ORZO E BROCCOLI
OVA SPONGIA EX LACTE
FITTATA CO’ LATTE
TYROPATINAM
CREMA CO L’OVO
AUTORI E INTERPRETI
GIUSEPPE GIOACHINO BELLI
CARLO ALBERTO SALUSTRI TRILUSSA
CESARE PASCARELLA
ETTORE PETROLINI
PIETRO GARINEI
SANDRO GIOVANNINI
ARMANDO TROVAJOLI
ROMOLO BALZANI
LANDO FIORINI
ALDO FABRIZI
ALBERTO SORDI
RENATO RASCEL
NINO MANFREDI
GIGI PROIETTI
CLAUDIO VILLA
GABRIELLA FERRI
PIERO MIRIGLIANO
ALVARO AMICI
BARTOLOMEO PINELLI
ETTORE ROESLER FRANZ
CLASSE 2 C 2008-09
BIBLIOGRAFIA

Video e brani musicali e contenuti nel CD allegato
Video
• Video “Roma bella” base musicale “Nina, se voi dormite” cantata da Gigi Proietti;
• Video “Roma bella 2” Base musicale “Stornelli” cantati da Avaro Amici;
• Video “Meo Patacca” sigla del film cantata da Gigi Proietti;
• Video “Roma”.
File mp3
• Alberto Sordi - Te C'hanno Mai Mannato;
• Alvaro Amici - Fiori Trasteverini;
• Alvaro Amici - La Sora Assunta;
• Alvaro Amici - Stornelli Romani;
• Alvaro Amici - Gira Gira E Fai La Rota;
• Gigi Proietti - Meo Patacca;
• Claudio Villa - Li stornelli der Sor Mariano;
• Gigi Proietti- Nina Se Voi Dormite;
• Lando Fiorini - Barcarolo romano;
• Lando Fiorini - Carrozzella Romana;
• Lando Fiorini - Cento Campane;
• Lando Fiorini - Com'è bello fà l'amore quanno è sera;
• Lando Fiorini - Nannì, 'na gita a li castelli;
• Lando Fiorini - Roma nun fa' la stupida stasera;
• Lando Fiorini - Chitarra Romana;
• Lando Fiorini - Sora Menica;
• Nino Manfredi - Tanto pè cantà;
• Renato Rascel - Arrivederci Roma;
• Stornelli Romani - La Società Dei Magnaccioni;
• Gabriella Ferri - Quanto Sei Bella Roma.

Bibliografia
Cirese, E. (1997). Canti popolari della provincia di Rieti. Roma: Nuovo almanacco.
Damiani, C. (2000). Le più belle poesie di Trilussa. Milano: Oscar Mondadori.
De Carlo, V. (1993). Canzoni Popolari Romane. Milano: Meravigli.
De Carlo, V. – hodson-Hirts, G.- Mischiatti, C. (2000). La cucina dell’Antica Roma, di Marcus Gavius Apicius. Milano: Meravigli.
De Marchi, R – Ferrara, F. (2004) I viaggi di mister Fogg, Torino: Il Capitello
Disoteo, M. Didattica interculturale della Musica. Brescia: EMI.
Gigliozzi, G. (1999). La canzone romana. Roma: Newton & Compton editori.
La nuova enciclopedia della Musica Garzanti. (1985). Milano: Garzanti.
Malizia, G. (1995). La cucina romana. Roma: Newton & compton editori.
Mario, L. S. (2005). Antichi mestieri di Roma. Roma: Newton & compton editori.
Micheli, G. (2005). Storia della canzone romana. Roma: Newton & compton editori.
Paola, S. (1997). I Teatri di Roma. Roma: Newton & Compton editori.
Perugini, A. G. (1998). Canti e grida dei venditori ambulanti. Roma: Nuovo almanacco Editoria Musicale e Libraria.
Perugini, A. G. (1988). Carrettieri a vino e vetturini romani. Roma: Nuovo almanacco.
Perugini, A. G. (1986). Il saltarello a Roma e nel Lazio. Roma: Nuovo almanacco.
Perugini, A. G. (1981). Le canzoni di Romolo Balzani. Roma: Nuovo almanacco.
Perugini, A. G. (1985). Le più belle canzoni romane antiche e moderne. Roma: Nuovo almanacco.
Perugini, A. G. (1989). Serenate romane. Roma: Nuovo almanacco.
Sabatini, F. (1878). Saggio di Canti popolari romani. Roma: Nuovo almanacco.
Saffioti, T. (2000). La canzone popolare di Roma e del Lazio. Milano: A. Vallardi.
Staccioli, P. (1997). Feste Romane. Roma: Newton & Compton editori.
Teodonio, M. (1995). Il Calendario del Belli. Roma: Newton & Compton editori.
Trilussa. (1965). Poesie scelte. Milano: Mondadori.
Vesco, C.(1990) Apicio – la cucina dell’Antica Roma Tascabili economici Newton
Vettori, G. (1995). I Canti popolari italiani. Roma: Newton & Compton editori.
Willy, P. (2005). Le curiosità di Roma. Roma: Newton & compton editori.

Classe 2 C 2008-09
Barone Martina
Bressi Federica
Butini Michele
Cabrera Pizarro Daniele
Chen Lehui
De Cesari Giorgia
De Santis Camilla
Di Lembo Alessia
Forina Luca
Fuoco Chiara
Giorgi Simone
Giovannelli Luca
Jaupi Marco
Lancia Lorenzo
Mazzoni Davide
Miccichè Rossella
Miranda Adel Masias Stefano
Monti Veronica
Pacella Paolo
Pulcini Andrea
Francesco Segneri
Sun Yixia
Topazi Simone
Ventura Giorgia
Zangheri Luca

07.06.09

Pianeta terra: salviamolo!!

Video, patrocinato dal Presidente della Repubblica Francese, condiviso con i nostri partner del IV Gymnasio Peristeriou di Atene.

mariarosa.mazzola@istruzione.it

Camposcuola Ovindoli 2009 2C-2D 08-09

Il Parco Naturale Regionale Sirente-Velino occupa una superficie di 50.288 ettari nel cuore dell'Abruzzo, a sud di L'Aquila. Cuore geografico delle montagne d'Abruzzo, il Velino (2.487 m) e il Sirente (2.349 m) offrono a chi ne visita le valli, gli altopiani e le vette tutti i motivi d'interesse dei massicci più elevati dell'Appennino. Pareti rocciose, canyon, circhi glaciali, creste modellate dall'erosione compongono uno spettacolare ambiente di alta montagna. Faggete e praterie d'alta quota, fenomeni carsici e fioriture, la presenza del lupo, dell'aquila, del cervo e del grifone completano il quadro.
Il clima rigido - il Velino e il Sirente sono i massicci appenninici più lontani dal mare - rende possibile nel Parco la presenza di piante che vivono di norma in luoghi più freddi. Fino ai 1.000 metri circa, la vegetazione è dominata da querce, e in particolare da roverella.
Nel Parco del Sirente-Velino è stata più volte segnalata la presenza dell'orso marsicano. Tra i mammiferi gli si aggiungono il cinghiale, la volpe, il ghiro, la donnola, la martora, il gatto selvatico, la faina, lo scoiattolo, la lepre. Sicuramente presente nell'area protetta è il lupo. Tra i rapaci notturni si possono incontrare il gufo reale, il gufo comune, la civetta.