Main

06.06.15

Mamma mia dammi cento lire - Emigrazione italiana

america4.png america2.png Download file

26.03.14

Ci siamo trasferiti...

Dopo 7 anni di fedeltà alla piattaforma MT topnav-logo-popup.gif
abbiamo eportato i nostri contenuti su Musica e Tecnologie @ scuola
Continuate a seguirci!
Grazie Movable Type!!
Maria Rosa Mazzola
71638.jpg

28.05.13

Progetto "Generazioni connesse" con Save the Children

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), in collaborazione con E.D.I., Telefono Azzurro, Polizia Postale, L'Ass. Difesa del cittadino, Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza e Save the Children, portano avanti, nel biennio 2012 – 2014, il Progetto SIC - Generazioni Connesse, co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Safer Internet, e teso a rendere Internet un “luogo” più sicuro per gli utenti più giovani e a promuoverne un uso positivo e consapevole, attraverso attività di formazione e sensibilizzazione di insegnanti, genitori e alunni. logo generazioni connesse.jpg Sono state a tal fine selezionate sei scuole, in ogni regione italiana, sulla base della loro vocazione alla didattica digitale e adesione all’iniziativa e, nel loro interno, un gruppo di insegnanti e di alunni segue un percorso di formazione per poi sensibilizzare, a propria volta, altri colleghi e compagni. La nostra scuola ha aderito all'invito. I docenti sono stati guidati dalla tutor di Save the children Dott.ssa Brunella Greco e si sono incontrati in sei occasioni di laboratorio attivo per mettere in atto metodologie innovative di tecnologie e didattica. Gli studenti PEER della nostra scuola coinvolti attivamente nel progetto Generazioni connesse sono stati quattro alunni di quattro classi prime della scuola secondaria, in collaborazione con Save the Children, hanno preparato un progetto che ha affrontato il tema della privacy on-line. Il progetto dei peer si è svolto attraverso incontri laboratoriali di un'ora nelle classi prime e successivamente nelle classi seconde, in orario antimeridiano. Il tutoraggio è stato gestito dagli alunni (peer to peer) in autogestione alla presenza dei docenti delle classi o con l'accompagnamento della tutor Dott.ssa V. Gambino di Save the Children. Save_the_Children_Logo.png Sintesi dei prodotti multimediali delle classi 1A cl@sse 2.0, 1B e 1C della disciplina MUSICA - tema Le quattro stagioni di A. Vivaldi - Videoascolto sincronizzato. II mov La primavera.jpg Download file La primavera II mov. Classe 1A Cl@sse 2.0 2012-13 LA PRIMAVERA DI VIVALDI 3 mov.jpg Download file La primavera III mov. Classe 1B 2012-13 2 mov INVERNO VIVALDI.jpg Download file Inverno II mov. Classe 1C 2012-13 la primavera di A.Vivaldi I mov.jpg Download file La primavera I Mov. Classe 1A Cl@sse 2.0 2009-10 Videoascolto II mov. La primavera di A. Vivaldi - Cl@sse 2.0 1A 2012-13 I.C. Dal Verme Roma - Prof.ssa M.R.Mazzola Clicca sulla copertina e sfoglia l'ebook II Mov. La Primavera di Antonio Vivaldi della cl@sse 2.0 1A 2012-13 I.C. Via Dal Verme Roma Videoascolto III mov. La primavera di A. Vivaldi - Cl@sse 1B 2012-13 I.C. Dal Verme Roma - Prof.ssa M.R.Mazzola Clicca sulla copertina e sfoglia l'ebook III Mov. La Primavera di Antonio Vivaldi della classe 1B 2012-13 I.C. Via Dal Verme Roma Please Add a Title Clicca sulla copertina e sfoglia l'ebook II Mov. Inverno di Antonio Vivaldi della classe 1C 2012-13 I.C. Via Dal Verme Roma

tag cloud Progetto Giuseppe Verdi 1813-2013 - Note d'autore

grazie a tutti.jpg Grazie a tutti per l'ottimo lavoro svolto insieme nel bicentenario verdiano! http://musicascuola.mdl2.com/course/view.php?id=24 Tag cloud Progetto Giuseppe Verdi 1813-2013 - Note d'autore Clicca sulla copertina e sfoglia il nostro libro delle tag cloud verdi.jpg verdi 5.jpg verdi 4.jpg verdi2.jpg verdi3.jpg

02.04.13

Lettere di Giuseppe Verdi

Lettere di Giuseppe Verdi Clicca sull'immagine di Giuseppe Verdi e sfoglia il libro che raccoglie alcune lettere scritte da Giuseppe Verdi tra il 1859 e il 1900. Viaggio nelle Terre verdiane a conclusione del progetto Giuseppe Verdi 1813-2013 - Note d'autore della classe IIIB dell'I. C. Via Dal Verme Roma, in occasione del bicentenario verdiano, 07 - 10 maggio 2013.

17.03.13

Progetto Giuseppe Verdi - 1813-2013 - Note d'autore

G Verdi corso.jpg Progetto di approfondimento su Giuseppe Verdi in occasione del bicentenario della nascita. Destinatari alunni della classe 3B 2012-13 dell'I.C. Via Dal Verme Roma, in piattaforma LMS Musica@scuola e-learning di M.R.Mazzola.www.musicascuola.mdl2.com 12103499_GIUSEPPE_VERDI.jpg Giuseppe Verdi nacque a Roncole, vicino a Busseto (nel Ducato di Parma), il 10 ottobre 1813 da una famiglia umile: i suoi genitori lavoravano in una osteria di campagna. 798px-Giuseppe_Verdi_casa_natale.jpg Casa natale di G. Verdi - Le Roncole di Busseto. - Quando era ancora un bambino, un droghiere, grossista di suo padre, Antonio Barezzi, amante della musica e presidente della Filarmonica di Busseto, si accorse che il piccolo Giuseppe aveva un talento particolare per la musica e gli pagò le prime lezioni private affinché questo talento fosse sviluppato. Verdi fece pratica nella chiesa di Busseto, ma venne il momento che il piccolo paese natale si dimostrò troppo stretto, e aiutato dallo stesso Barezzi, decise di presentarsi al Conservatorio di Milano; non riuscì tuttavia a superare l’esame di ammissione (per ironia della sorte, oggi quel conservatorio porta il suo nome). Barezzi antonio.jpg Antonio Barezzi. - Verdi aveva 19 anni; non si dette per vinto e grazie ad una borsa di studio del Monte di Pietà di Busseto, oltre all’aiuto economico di Barezzi, cominciò ad entrare nel mondo della Scala: prima attraverso le lezioni private del cembalista Vincenzo Lavigna, e poi assistendo alle rappresentazioni. Nel 1836 vinse il concorso di maestro di musica del comune di Busseto e lo stesso anno sposò la figlia del suo benefattore, Margherita Barezzi, da cui ebbe due figli: Virginia e Icilio. barezzi.JPG Margherita Barezzi. - Il lavoro sicuro e lo stipendio fisso non soddisfacevano però il sogno milanese di Verdi, che decise di tornare a Milano con la famiglia. Finalmente nel 1840 Verdi riuscì a far rappresentare al Teatro alla Scala la sua prima opera: Oberto Conte di San Bonifacio, che riscosse un discreto successo. Purtroppo cominciò allora un periodo davvero triste e difficile: morirono prima i figli e poi in seguito la moglie Margherita, a cui Verdi era legato da un profondo affetto; proprio allora gli era stata commissionata un’opera comica Un giorno di regno, che, andata in scena, si rivelò un cocente e clamoroso fiasco. Verdi dichiarò che non avrebbe più composto musica; tuttavia una nuova occasione gli si presentò allorché l’impresario della Scala, Bartolomeo Merelli, gli consegnò un libretto dalla storia interessante: era il Nabucco. In pochissimo tempo l’opera fu pronta e fu un trionfo (1842). Il coro del Nabucco ebbe un successo strepitoso e veniva cantato e suonato perfino per le strade. Nel frattempo Verdi aveva conosciuto due donne importantissime nella sua vita: la soprano Giuseppina Strepponi, che sarebbe diventata la sua compagna e poi la sua seconda moglie, e la contessa Clarina Maffei, un’amica carissima grazie alla quale poté entrare nei salotti milanesi. 180px-Peppina.jpg Giuseppina Strepponi. - L’opera successiva al Nabucco, I Lombardi alla Prima Crociata, fu un altro successo, sebbene duramente censurato dal governo austriaco, poiché, insieme al Nabucco, era stato rivisitato in chiave patriottica dagli italiani che volevano la libertà dall’impero asburgico. Dopo Giovanna d’Arco, Verdi si allontanò dalla Scala e da Milano: si recò prima a Parigi e nel 1849 tornò a Busseto insieme a Giuseppina, divenuta ormai la sua compagna. Molte voci girarono su questo rapporto e sulla convivenza dei due, ufficializzata con il matrimonio solo nel 1859. 300px-xix_century_print_piazza_della_scala_milano.jpg Teatro alla Scala di Milano. - In questi anni Verdi scrisse la cosiddetta trilogia popolare: Rigoletto, Il Trovatore e La Traviata. Nel frattempo fu finalmente pronta la villa di Sant’Agata, a Villanova d’Arda, dove Verdi e la moglie si trasferirono definitivamente: una dimora bellissima circondata da un grande parco, curato da Verdi stesso. agata.jpg Villa S. Agata camera verdi.jpg Camera di G. Verdi a Villa S. Agata camera strepponi.jpg Camera di G. Strepponi a Villa S. Agata famiglia verdi.jpg Famiglia Verdi giardinoverdi.jpg G. Verdi nel parco di Villa S. Agata - Nel 1869, con La forza del destino, Verdi segnò il suo ritorno alla Scala, da cui non si allontanò mai più; strinse inoltre un’intensa amicizia con Teresa Stolz, trasformatasi ben presto in qualcosa di più: il soprano boemo fu la prima e più grande interprete dell’Aida (1872). T Stolz.GIF Teresa Stolz. - Durante la sua attività di musicista e compositore, Verdi trovò anche il tempo di dedicarsi agli altri, di pensare a chi aveva più bisogno: nel 1888 inaugurò un ospedale a Villanova D’Arda, da lui interamente finanziato. ospedale verdi.jpg Ospedale Verdi a Villanova D'Arda. - Nel 1880 comprò il terreno per costruire quella che ancora oggi è la Casa di Riposo per musicisti, terminata nel 1899 (ma finché visse volle tenerla chiusa, perché non voleva essere ringraziato da nessuno!). casa riposo g verdi a milano.jpg Casa di riposo G. Verdi Milano. - Nel 1893, Verdi dette l’addio al teatro con la sua unica opera comica, il Falstaff; quattro anni dopo morì la Strepponi, e Verdi passò gli ultimi anni della sua vita all’Hotel de Milan, dove morì il 27 gennaio 1901. 19 Grand Hotel Et De Milan Lapide In Memoria di G. Verdi_ IMG_2179.jpg Lettere di Giuseppe Verdi Clicca sull'immagine di Giuseppe Verdi e sfoglia il libro che raccoglie alcune lettere scritte da Giuseppe Verdi tra il 1859 e il 1900. Viaggio nelle Terre verdiane a conclusione del progetto Giuseppe Verdi 1813-2013 - Note d'autore della classe IIIB dell'I. C. Via Dal Verme Roma, in occasione del bicentenario verdiano, 07 - 10 maggio 2013. I masnadieri di Li Jing Ting - Progetto Giuseppe Verdi 1813-2013 - Note d'autore della classe IIIB dell'I. C. Via Dal Verme Roma, in occasione del bicentenario verdiano. Giuseppe Verdi/Luisa Miller di Giulia Mosca Proietti - Progetto Giuseppe Verdi 1813-2013 - Note d'autore della classe IIIB dell'I. C. Via Dal Verme Roma, in occasione del bicentenario verdiano. Giuseppe Verdi/La battaglia di Legnano di Giuseppe Carbone- Progetto Giuseppe Verdi 1813-2013 - Note d'autore della classe IIIB dell'I. C. Via Dal Verme Roma, in occasione del bicentenario verdiano. album fotografico Giuseppe Verdi.jpg Download file Album fotografico Giuseppe Verdi LA VITA DI GIUSEPPE VERDI ANNO PER ANNO.jpg Download file Giuseppe Verdi cronologia tazza progetto g. Verdi.jpg Il nostro progetto Giuseppe Verdi 1813-2013 - Note d'autore in...tazza! (tag cloud della classe IIIB 2012-13 I. C. Dal Verme Roma - foto di Giulia T.) tazza progetto g. Verdi2.jpg

09.02.13

Giuseppe Verdi in e-learning

G Verdi corso.jpg Progetto di approfondimento su Giuseppe Verdi in occasione del bicentenario della nascita. Destinatari alunni della classe 3B 2012-13 dell'I.C. Via Dal Verme Roma, in piattaforma LMS Musica@scuola e-learning di M.R.Mazzola www.musicascuola.mdl2.com giuseppe_verdi (2).jpg

Continue reading "Giuseppe Verdi in e-learning" »

25.06.12

Grazie a tutti voi, ragazzi della cl@sse 2.0 2009-12!

Grazie a tutti voi, ragazzi della cl@sse 2.0 2009-12!

10.06.12

Documentazione didattica della Cl@sse 2.0 G. B. Piranesi Roma


Scuola Digitale - Cl@ssi 2.0 - Video di documentazione didattica della Cl@sse 2.0 G. B. Piranesi Roma. Docente referente Maria Rosa Mazzola - Sez. A 2009-12

www.classe20piranesi.altervista.org
(Licenza dei genitori degli alunni della cl@sse 2.0 G.B.Piranesi Roma ai sensi dell’art.13 del Decreto Legislativo 196/2003)

Sito web di documentazione didattica Cl@sse 2.0 G.B.Piranesi Roma

Sito cl@sse 2.0 ic dal verme.jpg

Sito web di documentazione metodologico-didattica dell'esperienza cl@sse 2.0 dell'I.C. Via Dal Verme - ex G.B. Piranesi Roma

http://www.classe20piranesi.altervista.org
(Licenza dei genitori degli alunni della cl@sse 2.0 G.B.Piranesi Roma ai sensi dell’art.13 del Decreto Legislativo 196/2003)

21.05.12

Siti web, blog e glog degli alunni della cl@sse 2.0 G.B. Piranesi 2012 Roma

copertina siti web 2012 cl@sse.JPG

indice siti1.JPG

Elenco dei siti web e Blog pubblicati dagli alunni della cl@sse 2.0 3A 2011-12 - Progetto pubblicare in rete.

indice glog 1.JPG

indice glog 2.JPG

Elenco dei Glogster pubblicati dagli alunni della cl@sse 2.0 3A 2011-12 - Progetto pubblicare in rete.

Download file Siti web, Blog e Glog della Cl@sse 2.0 3A 2011-12 in formato flash

Siti web, blog e glog degli alunni della cl@sse 2.0 G.B. Piranesi 2012 Roma - Progetto Pubblicare in rete

Sfoglia l'e-book Siti web, Blog e Glog degli alunni della cl@sse 2.0 G.B.Piranesi di Roma a cura di M.R.Mazzola

(Licenza dei genitori degli alunni della cl@sse 2.0 G.B.Piranesi Roma ai sensi dell’art.13 del Decreto Legislativo 196/2003).

19.05.12

Album di composizioni musicali originali della cl@sse 2.0 3A 2011-12

Album n.1 La notte - Nove composizioni aleatorie degli alunni della cl@sse 2.0 2011-12 G.B.Piranesi di Roma a cura di M. R. Mazzola

Sfoglia l'Album n.1 La notte - Nove composizioni aleatorie degli alunni della cl@sse 2.0 2011-12 G.B.Piranesi di Roma a cura di M. R. Mazzola

Album n 2 Peonie fiorite - Dodici composizioni aleatorie degli alunni della cl@sse 2.0 2011-12 G.B.Piranesi di Roma a cura di M. R. Mazzola

Sfoglia l'Album n 2 Peonie fiorite - Dodici composizioni aleatorie degli alunni della cl@sse 2.0 2011-12 G.B.Piranesi di Roma a cura di M. R. Mazzola

Album n.3 Il mare - Dodici composizioni aleatorie degli alunni della cl@sse 2.0 2011-12 G.B.Piranesi di Roma a cura di M. R. Mazzola

Sfoglia l'Album n.3 Il mare - Dodici composizioni aleatorie degli alunni della cl@sse 2.0 2011-12 G.B.Piranesi di Roma a cura di M. R. Mazzola

Album n.4 Anemoni e ciclamini - Quattordici composizioni aleatorie degli alunni della cl@sse 2.0 2011-12 G.B.Piranesi di Roma a cura di M. R. Mazzola

Sfoglia l'Album n.4 Anemoni e ciclamini - Quattordici composizioni aleatorie degli alunni della cl@sse 2.0 2011-12 G.B.Piranesi di Roma a cura di M. R. Mazzola

10.04.12

Freedom and It's Owner - Kings of Convenience

I Kings of Convenience sono un duo indie pop formato da Erlend Øye e Eirik Glambæk Bøe, provenienti da Bergen, una città della Norvegia. La loro musica è caratterizzata da sonorità delicate, rigorosamente acustiche, voci rilassanti, e da complesse e fantasiose evoluzioni melodiche con la chitarra. Entrambi i componenti del gruppo scrivono e cantano le loro canzoni.

******************************************************

Testo e traduzione Freedom and It's Owner

Beauty memories of all the places
we captured without camera
we've seen the pyramids
we've seen the Louvre
we've seen Orion upside down
the total eclipses and the moonlight shadows
we've seen dolphins jumping waves
we've ski'ed the mountains and we swam in the rivers
and let the sunlight dry our skins

but freedom, freedom never greater than its owner
freedom is the mastery of the known
freedom, freedom never greater than its owner
no view is wider than the eye

show a view to someone who chose to live his whole life in cave
he'll raise his arms to protect his eyes from learning
and the blindness to which he belongs
this time it's me, it's me
cascades of chances I'll just let them be
the unfamiliar is right below our eyes
don't look for what we know
the unfamiliar is right below our eyes

but freedom, freedom never greater than its owner
freedom is the mastery of the known
freedom, freedom never greater than its owner
no view is wider than the eye.

********************************************************************

Bei ricordi di tutti i posti
Che abbiamo catturato senza una macchina fotografica
Abbiamo visto le piramidi
Abbiamo visto il Louvre
Abbiamo visto Orione capovolta
Le eclissi totali e le ombre della luce lunare
Abbiamo visto i delfini saltare le onde
Abbiamo sciato sulle montagne e nuotato nei fiumi
E lasciato che la luce del sole asciugasse le nostre pelli

Ma la libertà, la libertà mai maggiore del suo proprietario
La libertà è l’abilità del conosciuto
La libertà, la libertà mai maggiore del suo proprietario
Nessuna vista è più ampia dell’occhio

Mostra un panorama a qualcuno che ha scelto di vivere la sua intera vita in una caverna
Alzerà le sue braccia per proteggere i suoi occhi dall’apprendimento
E la cecità alla quale appartiene
Questa volta sono io, sono io
Cascate di possibilità le lascerò essere
L’insolito è proprio sotto i nostri occhi
Non cercare ciò che conosciamo
L’insolito è proprio sotto i nostri occhi

Ma la libertà, la libertà mai maggiore del suo proprietario
La libertà è l’abilità del conosciuto
La libertà, la libertà mai maggiore del suo proprietario
Nessuna vista è più ampia dell’occhio.

04.04.12

Piattaforma Music@scuola e-learning di M.R.Mazzola

piattaforma mazzola.JPG

Lucio Dalla - Siciliano e Ciao

Omaggio al grande cantautore scomparso il 01 marzo 2012.
Lucio Dalla era nato a Bologna il 04 marzo 1943.

Per approfondire la biografia http://it.wikipedia.org/wiki/Lucio_Dalla

Ciao Lucio!


08.12.11

Progetti didattici Prof.ssa M. R. Mazzola

Progetti didattici Multimediali premiati, progetti musica e multimedialità, progetti scolastici d'Istituto e di rete, video, composizioni musicali e siti web


Premi Musica e multimedialità
1996: S.M.S. G.B. Piranesi Roma
- Premio Comune di Roma Assessorato alla cultura e politiche scolastiche “L’Europa unita” canovaccio IIIB.
- Composizione “La Canzone della Pace” Musica originale su testo di Y. Rotblit

2000: “Inforscuola” XVI Mostra-Convegno Nazionale di Didattica e Tecnologie per la Scuola, la Formazione e l’Orientamento. “Il Melodramma” IIIC 2000 Selezione e esposizione stand del Provveditorato di Roma/ Ministero della Pubblica Istruzione Fiera di Roma 28-30 novembre 2000.

2002: S.M.S. G.B. Piranesi Roma
- 1° Premio 3° Scuola musicafestival: "La Mer" di Debussy (ipermedia) 2002;
- "G.Verdi": Premio nazionale "Ti faccio Verdi"dell'APT Emilia Romagna e Comune di Busseto 2002 ( Esposizione mostra Comune di Busseto giugno/ottobre 2002).
- "G.Verdi":Premio regionale Copin 3° miglior lavoro multimediale 2002.
- Premio nazionale “Un Mare di Vele” dell'APT Emilia Romagna 2002 "La Mer" di Debussy (ipermedia).

2003: S.M.S. G.B. Piranesi Roma
- 1° Premio 4° Scuola Musicafestival: "Pierino e il lupo"di Sergei Prokofiev.
- 1° Premio 4° Scuola Musicafestival: "Il carnevale degli animali" di Camille Saint-Säens (ipermedia) 2003.
- Premio nazionale Video sconosciuti: "Viaggio nel Novecento" numero unico (prodotto ipermediale) 2003.
- Premio Fascia di Bronzo gruppo musicale "Musicando Insieme" concorso Siem 2003.
- Premio “ Scuola…sound’s good!” Selezione e concerto gruppo musicale "Musicando Insieme" all’ Auditorium di Roma -Parco della Musica- maggio 2003.

2004: S.M.S. G.B. Piranesi Roma
- Premio Tozzetti “Ambiente e territorio: quale futuro? Sculture e suoni 2004.
- Composizione originale “Serenata per l’Europa” per il gruppo musicale “Sculture e suoni” formato da 110 elementi con strumenti poveri riciclati, partecipazione al Carnevale romano Fori imperiali febbraio 2004.

2006: S.M.S. G.B. Piranesi Roma
- I Premio 6°Scuola Musicafestival: “ Mozart…scrive!” Classe IIB;

2007: S.M.S. G.B.Piranesi Roma
- Proiezione “Roma 2006” convegno “Socrates La storia continua” EUR Roma Salone tre Fontane 17 novembre 2006.
- 1° Premio Biennale della multimedialità e del cinema dei ragazzi di Pisa 21-25 novembre 2006 al prodotto multimediale “La fontana dei Fiumi: Piazza Navona…danza e suona!” 2 e 3 A-B-C.



Progetti didattici Musica e multimedialità, progetti europei, progetti di rete e d'Istituto:

• Progetto d'istituto Parco delle Madonie - Pubblicazione: “U mottu di l’antichi mai falliu”: raccolta di motti, proverbi, filastrocche, ninne nanne, preghiere antiche, modi di dire e soprannomi della tradizione isnellese (PA). S.M.S.”L. Pirandello” Isnello (PA) 1986;
• Progetto “Gioco dell'oca musicale” S.M.S. E. Vittorini - Roma 1989-90;
• Progetto “Regole di vita musicale di Robert Schumann” S.M.S. S. Giovanni Bosco - Roma 1990-91;
• Progetto “Un inferno per gli Ebrei” - Teatro musicale e video - S.M.S. E. Vittorini - Roma 1992-93;
• Progetto “Il melodramma” - S.M.S. E. Vittorini - Roma 1993-94;
• Progetto “Orfeo ed Euridice” - Teatro musicale - S.M.S. E. Vittorini - Roma 1993-94;
• Progetto “Il commerciante nero” - Teatro musicale - S.M.S. E. Vittorini - Roma 1993-94;
• Progetto “La terra” - Teatro musicale sperimentale in collaborazione con il Comune di Roma- S.M.S. E. Vittorini - Roma 1993-94;
• Progetto ALICE “Il matto di Legal - Partita vivente di scacchi” - Teatro musicale, composizione e orchestrazione musiche- S.M.S. E. Vittorini - Roma 1993-94;
• Progetto RAGAZZI 2000 “Il gioco” - S.M.S. E. Vittorini - Roma 1993-94;
• Progetto "IL CENTRO" Servizi socio-culturali e musicali quartiere prenestino (Progetto dispersione scolastica) - S.M.S. G.B.Piranesi Roma 1994-95;
• Progetto "La canzone della Pace" IIB - S.M.S. G.B.Piranesi Roma 1995-96;
• Progetto "La comunicazione pubblicitaria" IIA - S.M.S. G.B.Piranesi Roma 1995-96;
• Progetto "L’Europa unita" IIIB- S.M.S. G.B.Piranesi Roma 1995-96;
• Progetto "Musica e voci del Medioevo" IIC - S.M.S. G.B.Piranesi Roma 1995-96;
• Progetto "Programma radiofonico" III classi ABC - S.M.S. G.B.Piranesi Roma 1995-96;
• Progetto "Il mondo che gira a 33 giri" - S.M.S. G.B.Piranesi Roma 1997-98;
• Progetto “I grandi compositori” S.M.S. G.B.Piranesi Roma 1999;
• Progetto GIUBILEO 2000 - Video- documentario “Gli interrogativi della vita” 1998-99 S.M.S. G.B.Piranesi Roma;
• Progetto “Pinocchio e l’educazione europea” in collaborazione con la Facoltà di Psicologia dell’Università La Sapienza di Roma 2000 S.M.S. G.B.Piranesi Roma;
• Progetto “La musica leggera” S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2000;
• Progetto “Gli strumenti musicali” S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2000;
• Progetto “Il Piccolo Principe e noi…”IA S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2001;
• Progetto “IL Piccolo Principe” 1H S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2001;
• Progetto “IL Piccolo Principe” 2C S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2001;
• Progetto “Il mosaico dei nostri pensieri “ (Nightnoise) IIIA S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2002;
• Progetto “In chiave di onomatopee” 1A S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2002;
• Progetto “In chiave di onomatopee il ritorno” 1A S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2003;
• Progetto “L’affascinante mondo degli strumenti musicali” IIIA S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2003;
• Progetto “L’opera lirica” S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2003;
• Progetto “Il disco leggero” S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2003;
• Progetto “S.M.S. PIRANESI” 2004 presentazione multimediale della Scuola;
• Progetto COMENIUS visita preparatoria Comenius 1.3 Atene 2003 S.M.S. G.B.Piranesi Roma ;
• Progetto COMENIUS “Hellas 2003" S.M.S. G.B.Piranesi Roma;
• Progetto COMENIUS 1.3 RAME 2004-07 S.M.S. G.B.Piranesi Roma;
• Progetto COMENIUS 1.3 RAME Alla ricerca della matita perduta…” IIB S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2005;
• Progetto COMENIUS 1.3 RAME “Musica è…multiculturalità” (videoclip) IIIC S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2005;
• Progetto COMENIUS 1.3 RAME “La musica, il teatro, la danza nell’arte, nella letteratura e nel tempo” Sez. A,B,C,F S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2005.
• Progetto “Fontenova di Leonessa!” S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2005;
• Progetto COMENIUS RAME “Vilnius 2005 e Atene 2006” reportage di incontri internazionali di Progetto Europeo S.M.S. G.B.Piranesi Roma;
• Progetto COMENIUS 1.3 RAME “Inni nazionali” S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2006;
• Progetto “Le dame, i cavalier, l’arme e l’amor” S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2C 2006;
• Progetto COMENIUS1.3 RAME “ Il pianoforte” S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2006;
• Progetto “Francesco va solo per il mondo” a.s. S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2006-07;
• Progetto ETWINNING "Musica e media" 2006-07 con Gran Bretagna e Germania S.M.S. G.B.Piranesi Roma;
• Progetto ETWINNING "Musica e media" - “La leggenda del pianista sull’oceano”video e cd-rom 2A S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2006-07;
• Progetto COMENIUS 1.3 RAME “ Strumenti e Suoni” 2B-2C S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2006 -07;
• Progetto COMENIUS 1.3 RAME “ Musicando in Europa!” 2 A-B-C 3A-B S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2006-07;
• Progetto COMENIUS “Medi@Mus” S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2007;
• Progetto ETWINNING "Città d'Europa" 2007-08 con il Portogallo S.M.S. G.B.Piranesi Roma;
• Progetto SCUOLE APERTE Laboratorio Musicando Insieme 2008 S.M.S. G.B.Piranesi Roma;
• Progetto COMENIUS Visita preparatoria Spagna - "Orchestra dei ragazzi d'Europa" 2008 S.M.S. G.B.Piranesi Roma;
Legge 440 - Progetto S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2008;
• Progetto Pubblicazione Libro "Roma Bella" - Folclore del Lazio S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2009;
Legge 440 - Progetto "La' dove le parole non arrivano c'è la musica" S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2009;
• Progetto scambio linguistico Roma - Barcellona S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2009;
• Progetto di rete SIRIO Intercultura "Il nostro villaggio globale" S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2009;
• Progetto COMENIUS "From the grounds of democracy to European citizenship" - progetto bilaterale con la Francia S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2009;
• Progetto SCUOLE APERTE Laboratorio marching band Musicando Piranesi 2009 S.M.S. G.B.Piranesi Roma;
• Progetto Laboratorio Musicando Insieme Bando regionale SIRIO 2009 S.M.S. G.B.Piranesi Roma;
• Progetto ETWINNING Città d'Europa: Roma - Atene 2008-11 con la Grecia S.M.S. G.B.Piranesi Roma;
• Progetto d'Istituto candidatura LIM - SCUOLA DIGITALE S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2009;
• Progetto d'Istituto candidatura Cl@ssi 2.0 - SCUOLA DIGITALE 2009 S.M.S. G.B.Piranesi Roma;
• Progetto d'Istituto Cl@ssi 2.0 Cl@sse villaggio digit@le S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2009;
• Progetto "La Traviata" IIB -IIC S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2010;
• Progetto di collaborazione con il Teatro dell'Opera di Roma per la preparazione del coro degli alunni nell'opera La Traviata S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2010;
• Progetto "I Grandi Musicisti" IIIA S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2010;
• Progetto Lezione con la LIM videoascolto "La Primavera" di A. Vivaldi S.M.S. G.B.Piranesi Roma - Cl@sse 2.0 2010;
• Progetto 150° anniversario Unità d'Italia - "O patria mia! La musica e il sentimento patriottico" classi 3A 3B 3C Cl@sse 2.0 2A S.M.S. G.B.Piranesi Roma 2010-11 (sito web).

Progetti Corsi d'informatica

• Progetto Power Point marzo 2007 - Corso di informatica 2006-07;
• Progetto Power Point I livello dicembre 2007 - Corso di informatica 2007-08;
• Progetto Power Point II livello marzo 2008 - Corso di informatica 2007-08;
• Progetto Inform@ticamente 2009-10 - Corso di informatica 2010;
• Progetto Inform@ticamente in 8 lezioni 2010;
• Progetto Video “Tutorial Photo Flash Maker” - Strumenti didattici per la cl@sse 2.0 2011-12;
• Progetto Esercitazioni con Audacity - Strumenti didattici per la cl@sse 2.0 2011-12;
• Progetto Navigare in rete: il web - Strumenti didattici per la cl@sse 2.0 2011-12;
• Progetto Navigare in rete: la valutazione dei siti - Strumenti didattici per la cl@sse 2.0 2011-12;
• Progetto Navigare in rete: la sicurezza in rete - Strumenti didattici per la cl@sse 2.0 2011-12;
• Progetto Regole semplici per creare una presentazione- Strumenti didattici per la cl@sse 2.0 2011-12;


Cataloghi multimediali:

Catalogo multimediale dei prodotti “ Piranesi - Comenius 1.3 RAME 2006-07”
• Catalogo multimediale internazionale dei prodotti “ Comenius 1.3 RAME 2006-07”

Video:

• Video -Slogan eTwinning 2007-08
• Video “W eTwinning!” 2008-09
• Video “Automne” 2008
• Video “Roma bella” 2008
• Video “Roma bella 2” 2008
• Video “Saluti da Isnello” 2008
• Video “Escursione alla Quacella” 2008
• Video “Escursione a Pizzo Cervi” 2008
• Video “Tramonto dalle Terme di Sciacca” 2008
• Video “Alba alla Molara” 2008
• Video “All different, All unique” 2009
• Video “Camposcuola Policoro” 2009
• Video “Inverno di A. Vivaldi” 2009
• Video “Inaugurazione Madre Madonita 1 - 2 - 3” 2009
• Video “Ovindoli Parco regionale Sirente” 2009
• Video “Tramonto a Roma” 2010
• Video “Atene 2006” 2010
• Video “Venezia 2007” 2010
• Video “Bordeaux 2007” 2010
• Video “Lisbona 2007” 2010
• Video “Praga 2008” 2010
• Video “Vienna 2008” 2010
• Video “Paris” 2010
• Video “Portofino” 2010
• Video “Stoccolma 2009” 2010
• Video “Cl@ssi 2.0” 2010
• Video “Pagliacci di R. Leoncavallo” 2010
• Video “Terre verdiane” 2010
• Video “Sardegna” 2010
• Video “Francesco Bajardi - Ballata in C minor” 2011
• Video “O Patria mia! La musica e il sentimento patriottico” 2011
• Video “Paris Paque 2010” 2011
• Video Booktrailer "Le versioni della mezza noce" di Annalisa Maniscalco 2011
• Video “Report anno II Cl@sse 2.0 Piranesi" 2011
• Video “Gli interrogativi della vita" restauro digitale del video analogico originale del 1999 - 2011

Composizioni musicali e metodi

"La partita a scacchi - Il matto di Legal" 1993;
"La canzone della Pace" 1996;
"Polka in Fa magg." 1999;
"Serenata per l'Europa" 2004;
"Danze lituane" ( medley) Arrangiamento 2007;
"Canto popolare lituano" Arrangiamento 2007;
"Jingle etwinning "2007;
"I tre Musici" Febbraio 2008;
"Laboratorio Percussioni - esercizi giornalieri di tecnica e brani poliritmici - per gruppo di percussioni" (2010).

Siti web:

• Pubblicazione blog Musica@scuola http://blog.eun.org/musica (da ottobre 2007 a tutt'oggi).
• Pubblicazione canale YouTube didattico http://www.youtube.com/user/Mildebeth (da settembre 2008 a tutt'oggi).
• Progettazione e cura del sito web Partono i bastimenti per terre assai lontane... http://seipersonaggi.110mb.com/ con i Sei Personaggi in cerca di un metamotore (2009).
• Pubblicazione blog Les villes d'Europe: Rome -Athenes http://blog.eun.org/rome-athenes/ (novembre 2008 - dicembre 2010).
• Progettazione, cura e realizzazione del sito web didattico O patria mia! La musica e il sentimento patriottico www.patriamia.tk in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia (2011).
• Progettazione, cura e pubblicazione della Piattaforma LMS per la formazione a distanza musica@scuola e-learning di M. R. Mazzola www.musicascuola.tk 2011

Continue reading "Progetti didattici Prof.ssa M. R. Mazzola" »

www.piranesi150.altervista.org

Naviga il nostro sito web:
O Patria mia! la musica e il sentimento patriottico.

o patria mia cop.jpg

URL:www.piranesi150.altervista.org

30.10.11

Esperienza didattica in blended learning

ESPERIENZA DIDATTICA IN BLENDED LEARNING: progetto in piattaforma Moodle, costruzione collaborativa e pubblicazione sito web www.patriamia.tk

di Maria Rosa Mazzola

LA SOCIETÀ È CAMBIATA

La società è cambiata e continua a mutare rapidamente. Le strutture sociali, l’educazione e la conoscenza, fino a poco tempo fa, si basavano su strutture gerarchiche o lineari; oggi non si può contare su un ordine preciso. Gli individui si trovano di fronte a contesti nuovi, più complessi e sempre più orientati al network. Una delle tante cause di questa evoluzione sociale verso la società interconnessa dipende dal rapido sviluppo e dall'espansione della tecnologia informatica. Oggi è molto più facile, veloce ed economico trovare informazioni tramite gli strumenti telematici rispetto a quanto avveniva un tempo; ma queste informazioni sono anche enormemente aumentate e il filtro che gli utenti possono dare alle informazioni che ricevono è prezioso. La comunicazione tra le persone avviene indipendentemente dal tempo e dallo spazio; le distanze tra culture diverse si sono ridotte. Nella società della rete, l’individuo deve necessariamente ridefinire la propria identità ed essere in grado di agire all’interno della comunità in modalità interattiva e ‘sferica’. In questo nuovo scenario, insegnanti e studenti devono essere preparati al cambiamento di valori e tradizioni basilari.

LA SCUOLA DEVE ADERIRE AL CAMBIAMENTO

L’obiettivo della scuola contemporanea è di fornire agli studenti l’opportunità di preparare le qualifiche necessarie per diventare cittadini attivi, autonomi e responsabili nella società del network. Questo significa ripensare la struttura della scuola come organizzazione dinamica e, nello stesso tempo, rimodellare i ruoli di studenti e docenti e ri-mediare i contenuti dell’istruzione. Le diverse discipline devono essere sviluppate nei loro concetti e contenuti in modo sì tradizionale, ma sperimentando il valore aggiunto che può essere apportato dalle nuove tecnologie. In altre parole, la scuola deve affrontare uno dei grandi temi della cultura contemporanea, ovvero quello della “gestione della conoscenza”. Le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (ICT) valorizzano le modalità di comunicazione e di trasmissione della conoscenza e danno una forte spinta a tutti i processi di gestione di conoscenza codificata. Per gestire la cultura di una società i cui elementi caratteristici sono lo scambio veloce d’informazioni, la condivisione delle conoscenze, il network e la collaborazione, la strategia generale della scuola deve basarsi su questi elementi.

RUOLO DEI DOCENTI

È cambiata la società, è fondamentale, dunque, che la professionalità del docente muti in relazione al cambiamento della scuola e dell'incidenza delle ICT nella società. I docenti dovrebbero ridefinire la loro identità, valutando seriamente la possibilità di applicare nuove strategie educative, nuovi modelli metodologici e nuovi strumenti didattici. Nel gennaio 2008 l’Unesco insieme con altri partner ha indicato i parametri per la descrizione delle competenze ICT che devono avere i docenti del terzo millennio: il progetto ICT-CST (Information and Comunication Technology - Competency Standards for Teachers) sottolinea, appunto, il ruolo delle ICT, le riforme educative, lo sviluppo economico. Anche l’UE, con il Trattato di Lisbona (marzo 2000), ha definito uno specifico programma quadro, il 7° PQ, che è il principale strumento finanziario predisposto a incentivare le discipline scientifiche. È stata posta attenzione sullo sviluppo di una ricerca che soddisfi le necessità dell’industria europea, attraverso il lavoro delle piattaforme LMS e delle iniziative tecnologiche congiunte.

E-LEARNING E BLENDED LEARNING

E-LEARNING: COSA VUOL DIRE?

E-learning vuol dire apprendimento elettronico, ovvero attività di formazione ripensata nell'ambito della rete. La rete è una infrastruttura ma è, soprattutto, un modello artificiale della realtà e un ambiente che produce modalità di rappresentazione e organizzazione della conoscenza. La rete con il web 2.0, riduce i confinamenti ed esalta l'apertura della conoscenza nell'ottica di una realtà aumentata. La rete, in più, integra, unisce e collega gli attori del rapporto educativo (insegnante-alunno-comunità), perciò risulta scorretto, oggi, pensare ad e-learning, riduttivamente, come insegnamento a distanza. Risultano semmai a distanza l'apprendimento e l'insegnamento ordinari poiché, per ragioni logistiche e temporali, la maggior parte dei momenti e delle modalità di relazione educativa hanno luogo realmente a distanza e in totale ed irreversibile asincronia.
In e-learning, invece, i momenti e le funzioni dell'apprendimento e dell'insegnamento si integrano, con tempi e modi flessibili e, cosa più importante, con particolare attenzione alle caratteristiche di chi apprende piuttosto che a quelle di chi insegna. Da qui il significato di apprendimento elettronico (e-learning), piuttosto che di insegnamento elettronico (e-teaching).

E-LEARNING: UN NUOVO MODELLO DI RELAZIONE EDUCATIVA

L'e-learning, dunque, centra l'attenzione sull'apprendimento, piuttosto che sull'insegnamento. Inoltre, data la sua collocazione in spazi virtuali raggiungibili da più soggetti contemporaneamente, riesce a collegare e far crescere insieme, nella logica della rete, una comunità di apprendimento che interagisce, collabora e si integra.
Questo approccio metodologico sviluppa l'apprendimento collaborativo piuttosto che l'apprendimento duale o al massimo con il solo gruppo classe, tipico della didattica corrente.
Si sollecita, perciò, un apprendimento della comunità piuttosto che un apprendimento dell'individuo, e si facilita l'interazione di tutti con tutti attraverso la condivisione di un medesimo ambiente di lavoro. Il singolo è messo nella condizione di elaborare e condividere con altri una porzione aperta di conoscenza. Le dinamiche educative non prevedono più che il singolo ascolti solo il docente e parli solo se interrogato, ma sono adatte a facilitare tutti che ascoltano tutti e tutti che parlano con tutti, senza rigide distinzioni di ruoli.

E-LEARNING: PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ E FLESSIBILITÀ

La didattica corrente, centrando l'attenzione sull'azione dell'insegnamento, considera prevalente la pianificazione a priori delle attività educative.
L'e-learning, invece, proprio in considerazione delle variabili dinamiche di apprendimento collaborativo, attribuisce un grande valore alla flessibilità - dei ruoli, dei contenuti, delle azioni, delle attività, dei tempi. La pianificazione didattica, in e-learning, può rimanere tradizionale nella parte concernente le finalità, gli obiettivi da raggiungere e i mezzi dell'azione didattica, ma non può essere che macropensata e alquanto flessibile nell'articolazione dei contenuti, delle dinamiche, dei tempi e, spesso, dei prodotti finali.

E-LEARNING: STORIA E ASPETTI INNOVATIVI NELLA MODERNA PEDAGOGIA

I tentativi di approccio educativo delocalizzato (FAD) non sono recenti. I primi esperimenti di educazione a distanza risalgono al 1837, in Gran Bretagna, ad opera di Isaac Pitman che istituì un corso di stenografia per corrispondenza.
Da quel momento della storia ad ora la formazione a distanza ha registrato una grande trasformazione e una spiccata accelerazione che, attraverso tre generazioni di modelli e cavalcando il progresso tecnologico della società, è pervenuta a noi con innovative connotazioni metodologico-didattiche.
La prima generazione (dalla fine del XIX sec. alla prima metà del XX) è stata caratterizzata da una formazione tradizionale che ha usato la corrispondenza postale.
La seconda generazione (seconda metà del XX sec.) è stata caratterizzata da una formazione distribuita tramite sussidi multimediali e mezzi di comunicazione di massa (radio e televisione).
La terza generazione (dagli anni '80 del XX sec. a oggi) è caratterizzata da una formazione in rete grazie all'uso delle tecnologie telematiche e al web 2.0.
L'aspetto innovativo dell'e-learning è dato, in sintesi, dalla centralità dell' apprendimento nell'azione educativa, dall'apertura, senza confinamenti, della costruzione della conoscenza, dalla capacità di connessione di comunità d'apprendimento in sincronia e asincronia, dalla flessibilità dei ruoli, delle attività e dei tempi, dalla rappresentazione della conoscenza come realtà aumentata rispetto al reale, e infine dal superamento del cognitivismo in favore del costruttivismo.

BLENDED LEARNING

Il blended learning (learning=apprendimento, blended=miscelato), detto anche apprendimento combinato, o formazione mista, oppure formazione integrata, è un sistema didattico utilizzato per corsi formativi che si basa sull’utilizzo complementare di due metodi di insegnamento: quello tradizionale che si svolge in aula, e quello in e-learning.
Il blended learning è, insieme al learning by doing e all’anchored instruction , uno dei principali modelli didattici utilizzati nell’ambito dell’e-learning. Il blended learning rappresenta una soluzione che sta ottenendo un successo rilevante sia in efficacia che in gradimento, ed è una formula didattica specialmente adatta, al momento, ad essere applicata nel lavoro scolastico dei gradi medio-superiori.
Nel blended learning gli strumenti e i momenti dell’insegnamento in presenza e quelli a distanza che utilizzano le nuove tecnologie, si integrano a vicenda in modo continuo: le lezioni frontali, i lavori di gruppo, con le piattaforme e-learning dotate di risorse quali video, forum, chat, tutor on-line, ipertesti, blog, laboratori individuali o di gruppo, messaggi, e-mail, wiki, test, web, immagini, presentazioni, slide show. Il risultato è una compresenza di attività sincrone, asincrone, in presenza e a distanza.
La combinazione di questi vari elementi non è casuale, ma strutturata secondo una strategia precisa volta ad utilizzare al meglio le potenzialità della formazione tradizionale e di quella a distanza, e a coniugare gli aspetti positivi di entrambe le esperienze (costante accessibilità dei materiali didattici ed interazione in presenza).

STRUMENTI TECNOLOGICI E NUOVI MODELLI DIDATTICI: LIM, LEARNING OBJECTS E PIATTAFORME LMS

LIM, learning objects e piattaforme LMS sono strumenti di lavoro che potenziano la didattica integrata con le nuove Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione.

La LIM riassume in sé le potenzialità di altri media ed amplifica la sua efficacia se integrata con altre metodologie, software, tecnologie, come dimostra la considerevole rassegna di Schuck e Kearney dell’University of Technology di Sidney, commissionata dal Department of Education and Training del New South Wales (la più popolosa regione dell’Australia), in cui si analizzano quasi 40 modi di utilizzare la lavagna in ogni ordine di studi, in molteplici modalità, discipline, tipologie di insegnamento. Il tutto in nome dell’interattività, che determina fortemente il senso dell’impiego della LIM e dei suoi software , tanto da poter individuare almeno quattro gradi crescenti che corrispondono a quattro diverse tipologie di apprendimento/insegnamento:
• trasmettere: leggere/ascoltare/vedere in grande;
• partecipare e modificare: miscelare la scrittura e il disegno digitale e il manuale;
• costruire e condividere: manipolare, assemblare e gestire file in presenza;
• documentare: registrare lezioni, compiti, test, performances musicali, video e altro creando un repository di materiali fruibili nel tempo.

I learning objects sono “blocchi didattici”, autonomi tra loro e indipendenti dal contesto, che possono essere assemblati in ogni momento, in base alle esigenze del discente.
Il learning object deve avere le caratteristiche precise di facilità di fruizione, breve durata ed esaustività di contenuti. Il L. O. deve contenere, dunque, l'obiettivo d'apprendimento, il contenuto didattico, l'esercitazione e il test di valutazione. I contenuti didattici devono, inoltre, risultare riusabili e componibili. Il file deve essere poco pesante per risultare facilmente trasmissibile in rete.

Le piattaforme e-learning LMS, cioè Learning Management System (letteralmente: sistemi di gestione dell’apprendimento) sono invece delle strutture disponibili in rete che contengono una serie di potenti supporti e strumenti utili alla didattica: lezioni, wiki, database, glossari, test, forum, chat, calendario, news, risorse varie come video, SCORM, pagine web, ecc, valutazioni, report. Questo strumento favorisce il lavoro delle e-learning communities in connotazione dichiaratamente formativa. Il concetto del cooperative learning è alla base di questa modalità formativa e le piattaforme dispongono di strumenti di cooperazione per cui i materiali prodotti dagli utenti vengono condivisi da tutta la comunità per la comune crescita. Il tutor, presente in piattaforma, ha la funzione di stimolo alla comune partecipazione e di sollecitazione anche alla condivisione di materiali prodotti dagli utenti stessi.

Continue reading "Esperienza didattica in blended learning" »

22.10.11

Gli interrogativi della vita (1999)

Gli interrogativi della vita.
Video-progetto didattico realizzato dagli alunni della Classe IIIA della Scuola Secondaria di I Grado G. B. Piranesi di Roma in occasione di un concorso della Diocesi di Roma per il Giubileo del 2000. Anno scolastico 1998-99.
Testo, fotografia, montaggio e regia della Prof.ssa Maria Rosa Mazzola.

gli interrogativi della vita cop g014.jpg

Video didattico analogico del 1999, convertito in digitale.
(Altri tempi tecnologici! Maggiori difficoltà di realizzazione con i nostri sistemi artigianali e senza software sofisticati).

Continue reading "Gli interrogativi della vita (1999)" »

31.05.11

Percussionisti Marching Band Piranesi 2011

sbandieratori modif.jpg

Roma 25 maggio 2011 Festa del 150° anniversario dell'Unità d'Italia Piranesi


Storia del gruppo “Musicando Insieme” della S. M.S. “G. B. Piranesi” Roma


Il gruppo musicale "Musicando Insieme" della S. M.S. “G. B. Piranesi” Roma ha iniziato la sua attività, sotto la direzione della Prof.ssa M. R. Mazzola, nel novembre 2002.
Già nel 2003 ha ottenuto la fascia di Bronzo al Concorso “Insieme per suonare” indetto dalla SIEM (17 aprile 2003). Ha superato la selezione finale del Concorso “Scuola...sound’s good!”, ricevendo lodevoli apprezzamenti da parte del Direttore M.° M. Pradella e si è esibito all’Auditorium Parco della Musica di Roma (25 maggio 2003). Nel mese di maggio dello stesso anno ha offerto un concerto di fine anno con l’esecuzione, in prima assoluta, dello Studio n. 2 op. 47 in Do magg. per pianoforte di S. Heller, appositamente adattato da M.R. Mazzola (28 maggio 2003).
Nel 2004, insieme agli allievi di Flauto Traverso della Piranesi e al gruppo Sculture e Suoni (80 musicisti di strumenti realizzati con materiali riciclati), sotto la direzione di M. R. Mazzola, ha partecipato alla manifestazione di Carnevale in Campidoglio, ai Fori Imperiali e al Foro Romano con l’esecuzione in prima assoluta di Serenata per l’Europa di M.R. Mazzola (24, 29 gennaio e 24 febbraio 2004). Sempre lo stesso anno si è esibito in un concerto di fine anno nel Teatro della Scuola (10 giugno 2004).
Nell'anno 2006 ha partecipato al 6° Scuola Musica Festival incidendo un Cd con musiche di W. A. Mozart e J. Perez Forte. Nell’aprile 2006 ha preso parte alla manifestazione “Adotta un monumento” del Comune di Roma con un concerto in Piazza Navona (22 aprile 2006) e con un concerto di fine anno (17 maggio 2006).
Nel 2007 ha continuato il progetto Adotta un monumento del Comune di Roma con una manifestazione in Piazza Navona insieme al nuovo gruppo di Sbandieratori della Piranesi diretti da M. R. Mazzola (20 aprile 2007) e nell’ambito del Progetto Comenius 1.3 RaMe ha eseguito “Danze lituane medley”, brani tradizionali della Lituania, appositamente arrangiati da M. R. Mazzola (07 maggio 2007).
Nell'anno 2008 ha avuto, dal MIUR, l’assegnazione del Progetto Scuole Aperte — Potenziamento delle attività di ascolto e studio della Musica e si è esibito in concerto con brani arrangiati da M.R. Mazzola ottenendo un grande successo di pubblico (04 giugno 2008).
Nell'anno 2009 ha avuto l’assegnazione di un secondo Progetto Scuole Aperte—Potenziamento delle attività di ascolto e studio della musica e ha sperimentato nell’anno scolastico 2009-10 il laboratorio a carattere inclusivo di percussioni Marching Band, con la collaborazione del prof. R. Tosti, partecipando a diverse manifestazioni pubbliche (14, 17, 18 maggio e 03 giugno 2010).
Nell'anno 2010-11 il gruppo Musicando Insieme Piranesi - Marching Band e Sbandieratori - ha partecipato alla festa del 150° anniversario dell'Unità d'Italia della Scuola Secondaria di I grado G.B. Piranesi di Roma, accompagnando le bandiere d'Italia e d'Europa nella manifestazione del 25 maggio 2011.

Continue reading "Percussionisti Marching Band Piranesi 2011" »

18.02.11

Francesco Bajardi, un illustre musicista madonita

di Maria Rosa Mazzola


 Bajardi049.jpg
Francesco Bajardi

Dopo il 17 marzo del 1861 si assistette, in Italia, ad un periodo di risveglio della produzione ed esecuzione strumentale, oltre che ad un generale rinnovamento della cultura musicale italiana, già prevalentemente egemonizzata dal melodramma, il quale aveva avuto il grande merito di diffondere oltre alle apprezzate idee melodiche anche le idee e le aspirazioni patriottiche del popolo italiano in rivolta e proteso all'unificazione dell'Italia.

Il risveglio delle attività concertistiche e compositive strumentali coincise con la nascita di numerosi enti, organismi, licei musicali, istituzioni e società concertistiche che, prima a livello elitario, poi in una dimensione più popolare, diffusero il repertorio strumentale centroeuropeo e sollecitarono il recupero della tradizione strumentale italiana del Sei-Settecento per definire i caratteri di un nuovo stile nazionale.

Fino a quell'epoca era stato il pianoforte a ricoprire una molteplicità di ruoli sussidiari, aveva avuto spesso la funzione di ‘surrogato’ dell’orchestra nelle innumerevoli riduzioni pianistiche (a due, quattro, sei, otto e addirittura sedici mani) nella fase di lettura di una partitura orchestrale, e, ad eccezione del quartetto, era presente in quasi tutte le formazioni cameristiche.

A partire dagli anni successivi all’unificazione dell'Italia, il suo impiego si evolse sempre più, nel senso di un’emancipazione dagli altri strumenti, fino a raggiungere un inedito grado di autonomia. Nell’arco di pochi decenni si assistette a una vera e propria trasformazione della figura del pianista sia dal punto di vista performativo che compositivo. Lo dimostra la scelta del repertorio eseguito nei concerti solistici per pianoforte, sempre più diffusi nelle principali città italiane.

In questo quadro storico-musicale si inserisce l'opera del pianista e compositore Francesco Bajardi, nato a Isnello (PA) il 23.6.1867.

Francesco Bajardi fu allievo, a Palermo, del M.° Caracciolo (pianoforte) e del M.° Platania (composizione). A Roma studiò composizione con i M.i De Sanctis e Falchi e pianoforte con il grande M.° Giovanni Sgambati, allievo di Franz Listz.
In qualche autorevole recensione si dice che lo stesso Bajardi fu allievo di Listz.

Il Bajardi si esibì a Londra nel 1884, vinse il premio Casa musicale F. Boisselot nel 1885 e il premio pianistico Franz Liszt nel 1893. Nel 1894 diede un concerto a Pietroburgo. Partecipò attivamente alla vita musicale romana e italiana del periodo post-unitario insieme ad altri suoi importanti amici, allievi anch'essi del Maestro Sgambati: Ernesto Consolo, Ezio Camussi, Fanny Davies, Maria Andreoli e altri.

Erano famose, a Roma, a partire dagli anni sessanta, Le Matinées musicales, concerti programmati dai musicisti romani che si tenevano, settimanalmente, in alcuni periodi dell’anno, e si svolgevano alle due e mezza o alle tre del pomeriggio in celebri ed eleganti sale, pubbliche e private.
I programmi coinvolgevano, come d’uso all’epoca, vari strumentisti e talvolta anche cantanti.
Per citare Martinotti a fine secolo «la Roma musicale era interamente nelle mani di Sgambati e Pinelli».

5191991092_54c370bed9.jpg

g sgambati.jpg
Giovanni Sgambati


Nel 1895, a Roma, si inaugurarono, per iniziativa del Conte Enrico di San Martino e Valperga, i concerti della Regia Accademia di Santa Cecilia, che si tenevano nella sala restaurata l’anno precedente per «adunare gli alunni per le esercitazioni, pei saggi», e dare «agio all’Accademia di iniziare [...] pubblici concerti».
I concerti dell’Accademia di Santa Cecilia misero in atto negli ultimi anni del secolo iniziative per eseguire compositori italiani. Alcune di queste furono il concerto del 16 dicembre 1897 in cui Francesco Bajardi eseguì Dans les bois di Franz Listz e il concerto del 23 dicembre 1897 in cui suonò la Quarta Ballata di Chopin e il Presto op.7 n.7 di Mendelssohn.

Fra le novità di repertorio dei concerti di quegli anni vanno segnalati, inoltre, alcuni pezzi inclusi da Francesco Bajardi nei programmi delle quattro «audizioni private» tenute assieme alla violinista Teresina Tua il 2, il 9, il 16 e il 23 dicembre 1897. Fra essi la Gavotta variata di Rameau, la Fantasia e fuga in Sol minore di Bach e l’Aria e Giga di Scarlatti. Per il resto Bajardi si mantenne su strade battute, con pezzi romantici degli autori maggiori, ma inserì nei suoi programmi anche uno Studio di concerto di Sgambati e due pezzi di sua composizione: Romanza e Toccata.

Nel 1898 un'altro progetto importante, che celebrò Bajardi, fu il ‘Concerto degli alunni licenziati dal Liceo Musicale’ che si tenne il 14 febbraio, con alcuni pezzi sinfonici diretti da Pinelli, fra cui il Concerto per pianoforte e orchestra di Bajardi, ormai giovane promessa della scuola compositiva romana.
Si ha notizia inoltre di altre manifestazioni a sostegno dei compositori italiani come, per esempio, la promozione di tre concerti monografici integralmente dedicati alle composizioni di tre musicisti italiani fra cui lo stesso Bajardi, che si cimentò in un recital integrale composto esclusivamente di sue composizioni pianistiche il 5 marzo 1899:
Sonata
Improvviso
Notturno
Filatrici
Valzer
Capriccio.

Il Conte Enrico di San Martino e Valperga fu una importante figura del mondo culturale romano ed italiano che giudò l'Accademia di Santa Cecilia dal 1895 al 1947 anno della sua scomparsa e a cui Bajardi, con nota autografa, inviò in omaggio nel novembre del 1906 due sue composizioni Chant de Bergers- Novelletta per pianoforte e Fantasia-Improvviso per pianoforte.

conteenrico.jpg
Conte Enrico di San Martino e Valperga

Quella del Conte di San Martino è una figura poco conosciuta dal grande pubblico, poco e nulla studiata. Si deve a lui la creazione, nel 1908, dell' Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia di Roma. Il conte di San Martino poi fu anche Presidente dell'Esposizione del 1911 e senatore del Regno d'Italia. Il suo impegno politico contribuì ala nascita della scuola di cinematografia, oggi Centro sperimentale di cinematografia, e quella di recitazione intitolata a Eleonora Duse, l’odierna Accademia Nazionale d’arte drammatica a testimonianza della vastità di vedute di questo importante personaggio della vita culturale romana.

Bajardi autografo054.jpg


Bajardi autografo051.jpg


 Bajardi autografo053.jpg
dedica autografa di F. Bajardi 1906

Vittorio emanuele il conte enrico s martino e oppio.JPG
Vittorio Emanuele III e il Conte Enrico di San Martino e Valperga -
Vittorio Emanuele III inaugura la Terza Quadriennale d'Arte Nazionale al Palazzo delle Esposizioni

Opere di Francesco Bajardi:
• Trois Morceaux: Chant d'Amour - Gavotte - Feuille d'Album (con dedica al conte Giuseppe Lanza di Mazzarino)
• Preludi per pianoforte (A le signorine Elisa e Antonietta Amati)
• Ballata in Do minore (A la signorina Fanny Allievi)
• Sonata per pianoforte
• Chant de Bergers - Novelletta (A la signorina Elena Incisa di Camerano)
• Fantasia-Improvviso (A la signorina Maria Lippi)
• Valse Caprice op. 4
• Toccata op.10 (Alla Contessa Virginia di Somaglia)
• 3.me Nocturne op.11 (A la signora Maria Emma Luzzatto)
• Improvviso
• Notturno
• Filatrici
• Valzer
• Capriccio
• Romanza
• Concerto per pianoforte e orchestra.

Francesco Bajardi fu docente di pianoforte al Conservatorio S. Cecilia in Roma.
Il Conservatorio istituito nel 1919 succedeva al Liceo musicale di Roma e ancora prima, ad opera del M.°Sgambati, alla Scuola per giovani non abbienti che intendessero dedicarsi allo studio della musica, presso la pontificia Accademia di S. Cecilia.

conservatorio_santa_cecilia.jpg
Sala Accademica Conservatorio S. Cecilia Roma

Il M.° Sgambati insieme al M.° Spinelli, nel 1870, avevano ottenuto dei locali in via dei Greci (attuale sede del Conservatorio di S. Cecilia) proprio per la meritoria iniziativa didattica.

Conservatorio di Roma giardino.jpg
chiostro interno

Francesco Bajardi nel 1926 fu componente di una delle dieci commissioni ministeriali incaricate di redigere i programmi di esame dei vari corsi di strumento. Si occupò dei programmi di pianoforte e organo insieme a Francesco Cilea, Alfredo Casella, Remigio Renzi, Florestano Rossomandi, Ernesto Consolo e Luigi Ferrari-Trecate. Le dieci commissioni agirono sotto la supervisione di una commissione preposta alla formulazione dei criteri direttivi e al coordinamento dei lavori formata dai Maestri Ildebrando Pizzetti, Francesco Cilea, Giuseppe Mulè, Vincenzo Tommasini, Alberto Franchetti e Alfredo Casella. I verbali di questi lavori sono conservati presso l'Archivio Centrale di Stato.

Gli allievi del Bajardi hanno ricordato con affetto e grande dedizione il loro Maestro: Dante Alderighi da Taranto, Mario Bartoccini che è noto per aver scritto con Aldo Mantia un manifesto futurista sull'improvvisazione musicale (1921), Carlo Zecchi il quale giudicò sempre prezioso lo studio con Francesco Bajardi, e che riconosceva in quel suo primo maestro soprattutto una inclinazione poetica, tratto che lo metteva in competizione con Sgambati, allora idolo del pubblico romano.
E' di Carlo Zecchi una rara incisione del 1926 della Ballata in do minore di Bajardi.

Ballata Bajardi p2034.jpg

Ballata in do Minore di F. Bajardi, incisione del 1926, pianista Carlo Zecchi Download file


4009850016007.jpg


FotoHome1.gif
Carlo Zecchi

Zecchi-Carlo-07[1976].jpg
Carlo Zecchi

Francesco Bajardi morì a Roma il 17 settembre 1934. La casa natale di Isnello, in Corso Vittorio Emanuele, espone una targa commemorativa dei suoi natali madoniti e la storica Banda Musicale di Isnello è intitolata al suo nome.

targa Bajardi.png

IMG_0173.JPG
Isnello - Corso Vittorio Emanuele

banda isnello.jpg
Storica banda Musicale F. Bajardi Isnello in corteo

Prof.ssa Maria Rosa Mazzola
18 02 2011


Continue reading "Francesco Bajardi, un illustre musicista madonita" »

02.02.11

Tutorial Photo Flash Maker

Tutorial per la gestione del software Photo Flah Maker.
Software per la gestione audio/video delle immagini.
Buon lavoro!

Prof.ssa M.R. Mazzola

Continue reading "Tutorial Photo Flash Maker" »

08.01.11

150 anni dell’Unità d’Italia – O Patria mia! La musica e il sentimento patriottico ISTRUZIONI METODOLOGICHE

150° anniversario dell’Unità d’Italia – O Patria mia! La musica e il sentimento patriottico


logo150UnitaItalia.jpg


Agli alunni delle classi coinvolte nel progetto

La Musica, nell’età del Risorgimento, servì alla causa nazionale. Questo Corso, destinato alle tre classi terze A B C e alla cl@sse seconda A 2.0 sperimentale tecnologica della Scuola Secondaria di I grado G.B.Piranesi di Roma , tratterà il tema Musica/sentimento patriottico.


Cari studenti, avrete modo di apprendere/apprezzare il ruolo sostanziale che la Musica ha avuto nell’Ottocento attraverso l’ascolto e l’analisi di opere liriche espressive dei sentimenti patriottici, di canti popolari del risorgimento e canti di lode alla Patria anche di epoca post risorgimentale.

Il processo di lavoro sarà articolato in forma attiva, collaborativa e condivisa, con l’ausilio degli strumenti tecnologici della rete, di questo blog di una piattaforma LMS e si modellerà in progress.

Siete organizzati in quattro gruppi di lavoro: le tre classi terze A, B, C esamineranno il mondo dell'opera lirica. La cl@sse 2.0 seconda A esaminerà il settore dei canti patriottici popolari e si occuperà di realizzare uno spot divulgativo dell'evento 150 anni dell'Unità d'Italia da pubblicare in rete.

Sarete supportati da due forum, didattico e tecnico e da una chat per la condivisione di curiosità, problematiche, idee, per gestire modalità e appuntamenti di lavoro collaborativo e altro nell'ambiente della piattaforma LMS.

Potrete disporre di materiali: audio, video, immagini, testi, elenchi sitografici e bibliografici. Sarete coinvolti in laboratori didattici per la rielaborazione dei materiali: compiti, wiki, glossario, database e test di autovalutazione.

Patto formativo da condividere:
rispetto delle regole, degli altri, dei tempi, delle scadenze. Visione quotidiana delle News in piattaforma, per prendere visione delle novità.

A tutti noi...buon lavoro!
Prof.ssa Maria Rosa Mazzola

Settori di intervento delle classi 3 ABC e cl@sse 2.0 2A

Classi terze A B C: Ascolto e analisi di opere liriche espressive degli ideali patriottici. Racconti, aneddoti, storia, analisi del rapporto musica/risorgimento.
Ogni classe dovrà trattare le opere assegnate e svolgere le attività di laboratorio della sezione LABORATORIO OPERE LIRICHE e GLOSSARI, avendo cura di rispettare i modi e i tempi di consegna previsti.

Cl@sse 2.0 2A: Ascolto e analisi di canti popolari della patria e canti di lode all’Italia. Realizzazione di uno spot pubblicitario celebrativo dell’anniversario dei 150 anni dell’Unità d’Italia.

Ogni studente delle classi terze A B C sceglierà una delle opere comprese nell'elenco contenuti opere liriche.
Dovrà ricercare materiali audio, video, immagini, testi, libretto, curiosità, biografie del compositore e del librettista, notizie sul teatro della prima esecuzione e altro...dopo avere selezionato e rielaborato i materiali scelti, dovrà realizzare una presentazione multimediale da consegnare, su supporto CD-Rom, alla scrivente, entro la fine di aprile 2011 e successivamente presentare al colloquio di esame di licenza media.

Ogni studente della cl@sse 2.0 2A dovrà trattare due canti patriottici tra quelli indicati sotto e svolgere le attività di laboratorio delle sezioni LABORATORIO CANTI PATRIOTTICI, GLOSSARI e CREATIVITA', avendo cura di rispettare i modi e i tempi di consegna previsti nello scadenzario del progetto.

La sezione MATERIALI è a disposizione, di tutti i gruppi, per disporre di alcune risorse di partenza e realizzare prodotti multimediali.

Contenuti


Opere liriche e arie


Classe 3 A

• G. Verdi - Nabucco - Va pensiero
• G. Verdi - La battaglia di Legnano - Viva l’Italia! - A chi smarriti e pallidi -
Digli ch’è sangue italico - Dall’Alpe a Cariddi echeggia vittoria!
• G. Verdi - Macbeth - Patria oppressa!
• U. Giordano - Andrea Chenier - Un dì all’azzurro spazio - Nemico della patria

Classe 3 B
• G. Verdi - I vespri siciliani - O tu Palermo, terra adorata – O patria adorata
• G. Verdi - Aida - O terra addio – O Patria mia
• G. Verdi - Giovanna D’Arco – Sotto una quercia parvemi - Sempre all’alba e alla sera
• V. Bellini – I Puritani – Suoni la tromba

Classe 3 C
• G. Verdi – I Lombardi alla prima crociata – O Signore dal tetto natio
• G. Verdi – Attila – Santo di Patria indefinito amor – Ella in poter del barbaro!
• G. Rossini – L’Italiana in Algeri – Pensa alla patria.
• G. Rossini - Tancredi - O patria! Dolce e ingrata patria


Canti popolari della patria

Cl@sse 2A
• Inno di Mameli
• La ronda
• Inno della Repubblica partenopea
• Inno nazionale
• Inno degli studenti del ‘48
• Inno del ‘48
• La stella dei soldati
• La bandiera tricolore
• I tre colori
• Inno a Garibaldi
• Io vorrei che a Metternicche
• Garibaldina
• Garibaldi fu ferito
• Ai morti per la patria
• La bella Gigogin
• L’addio del volontario toscano
• A Tonina Marinello
• All’armi! All’armi!
• Giovani ardenti
• A ferro freddo
• Delle spade il fiero lampo
• Camicia rossa
• La rondinella di Mentana
• Inno di Oberdan
• Addio del volontario
• La canzone del Piave
• L’addio del bersaglier
• Le campane di S. Giusto
• Viva l’Italia.


logo150UnitaItalia.jpg

Continue reading "150 anni dell’Unità d’Italia – O Patria mia! La musica e il sentimento patriottico ISTRUZIONI METODOLOGICHE" »

23.10.10

Music games...a gentile richiesta

Ci è stato chiesto di pubblicare il lavoro Music games svolto dalla classe 2B dell'anno scolastico 2007-08.
Ci fa piacere condividere una pratica pedagogico-didattica che si è rivelata efficace per il lavoro creativo di potenziamento, di recupero, di rielaborazione di materiali musicali e con carattere di straordinaria inclusività.
I risultati finali degli studenti sono stati ottimi poichè l'apprendimento è stato attivo, collaborativo e condiviso in un ambiente di costruzionismo peer to peer.

Music games 2008 revisione 2010.jpg

Presentazione del progetto Download file

Invito Musica di seconda classe int.jpg

Diapositiva13.JPG

Clicca quì per leggere e scaricare il numero unico di enigmistica musicale Music Games Download file

Ancora oggi a distanza di tre anni adoperiamo il materiale costruito e ci divertiamo...imparando!

IMG_0191-thumb.jpg Vienna%202008%20008-thumb.jpg

Vienna%202008%20003-thumb.jpg Vienna%202008%20015-thumb.jpg

Music games - 2B 2007-08 G. B. Piranesi Roma Prof.ssa M.R.Mazzola
sfoglia l'e-book Music games

Salutiamo con piacere il collega Giovanni Cantone di una Scuola di Bologna...buon lavoro anche a voi!

Continue reading "Music games...a gentile richiesta" »

11.10.10

Il piccolo principe...10 anni di esplorazioni

C'era una volta...
un gruppo di alunni (IH e 2C 2000-01), un libro di Saint- Exupery, Il piccolo principe, un audioascolto de Il Piccolo principe, una Scuola ai primi passi nella tecnodidattica...bisognava usare strumenti personali...i pc e le aule multimediali arriveranno tanto tempo dopo...

piccolo_principe1.jpg

la fantasia e...il cuore sono stati un ottimo motore per esplorare i siti lontani dentro di noi...ma, come dice il piccolo principe, il segreto è:


imagesCA0QNYPO.jpg


piccolo.jpg

Visualizza il file in flash del lavoro multimediale realizzato dalla classe 1H 2000-01
Download file

IIC%20Il%20Piccolo%20Principe%202000-01.jpg

Visualizza il file in flash del lavoro multimediale realizzato dalla classe 2C 2000-01
Download file

Noi ricordiamo ancora con affetto questo lavoro...nonostante il tempo trascorso, le esperienze e le nuove tecnologie a disposizione.
Dedico questo post a Paola Sala e ai suoi alunni di Cerro Maggiore (MI) con i miei saluti e auguri di Buon...Piccolo principe anche a voi
Prof.ssa M.R. Mazzola

Continue reading "Il piccolo principe...10 anni di esplorazioni" »

05.10.10

La Primavera di A. Vivaldi I mov. Allegro Audioguida all'ascolto con la LIM

 

Lezione di audioguida all'ascolto con la LIM della cl@sse 2.0 1A 2009-10 della Scuola Secondaria di I grado a cura della Prof.ssa M.R.Mazzola

Clicca quì per scaricare il progetto metodologico-didattico in pdf
Download file

Visualizza il progetto metodologico -didattico in versione e-book

Lezione con la LIM Videoascolto La Primavera di A. Vivaldi

Visualizza il videoascolto in versione e-book

La Primavera di A. Vivaldi _ Videoascolto cl@sse 2.0 Piranesi Roma

primavera072.jpg

Documento di Sara Martucci classe 3A 2010-11

Continue reading "La Primavera di A. Vivaldi I mov. Allegro Audioguida all'ascolto con la LIM" »

28.06.10

Videoascolto - La primavera di A. Vivaldi Cl@sse 2.0 1A 2009-10

la primavera di A.Vivaldi.jpg


scarica quì il file zippato del videoascolto
Download file

La Traviata - Magia dell'Opera - Classi 2B e 2C 2009-10

La Traviata.jpg

Visualizza l'e-book la Traviata
La Traviata - videoascolto classi 2B e 2C 2009-10 Piranesi Roma Prof.ssa Mazzola

Spettacolo La Traviata - Teatro dell'Opera di Roma - 20 maggio 2010

46 12 5 2010 054.jpg


Spettacolo La Traviata - Salone Teatro G.B.Piranesi Roma - 10 giugno 2010

traviata est084.jpg

Cori dell'opera La Traviata:

Libiamo nei lieti calici
Si ridesta in ciel l'aurora
Noi siamo zingarelle
coro dei Matador
Oh Infamia orribile
Baccanale

traviata int083.jpg


L’impegno degli alunni musicalmente più abili ha influito positivamente sul coinvolgimento attivo di tutti, favorendo la partecipazione dei ragazzi meno attivi ed è importante sottolineare come ogni alunno abbia saputo autonomamente scegliere e operare nell’ambito delle attività a lui più congeniali sia esse del settore musicale, storico, letterario o tecnologico.
Questa attività progettuale, condivisa nella motivazione da tutti gli alunni delle due classi, ha avuto una positiva ricaduta didattica nella discipline coinvolte e nel processo di apprendimento scolastico generale, ha visto la crescita costante dell’interesse, dell’impegno, delle abilità e della creatività di tutti gli alunni sia pure a livelli differenti e si è rivelata adatta all’orientamento che è di uno dei fini di primaria importanza in questo tempo di scolarità.
La collaborazione con il Teatro dell’Opera di Roma è stata puntuale e positiva. Sono stati seguiti, dai docenti, tre incontri preparatori e di formazione presso il Teatro dell’Opera di Roma nel mese di marzo 2010 e attivate due prove, per gli studenti, con gli artisti del Teatro, nei mesi di aprile e maggio 2010 presso la nostra sede scolastica.

46 12 5 2010 059.jpg

Il viaggio d’istruzione, appositamente organizzato, nei luoghi verdiani del Parmense, si è rivelato appropriato, utile e didatticamente valido per il rinforzo di tutti gli obiettivi previsti nell’ambito delle discipline coinvolte ed è stato inoltre una splendida occasione di incontro e socializzazione per i ragazzi delle due classi.

OBIETTIVI FORMATIVI RAGGIUNTI

• Sviluppo della conoscenza di sé per accrescere la fiducia nelle proprie potenzialità.
• Miglioramento delle relazioni interpersonali con coetanei e adulti.
• Acquisizione di strategie funzionali allo sviluppo dell’autonomia, dell’autocontrollo e dell’autoregolazione.
• Sviluppo della consapevolezza che l’impegno personale è determinante per la buona riuscita del lavoro di gruppo.
• Sviluppo della socializzazione.
• Ottimizzazione del lavoro di gruppo e di interclasse.
• Sviluppo della motivazione all’apprendimento.
• Sviluppo della curiosità conoscitiva.
• Sviluppo dell’attenzione e concentrazione.
• Acquisizione delle abilità di controllo e gestione spazio-temporale.
• Miglioramento nell’uso di mezzi tecnologici indispensabili alla realizzazione dei metaprodotti e del prodotto finale rispettando tempi e spazi obbligati.
• Uso corretto e creativo dei mezzi di produzione del suono e dell’immagine
• (registratori, computer, scanner, stampante, internet ecc.).
• Acquisizione delle metodologie del compito reale, costruttivismo e apprendimento attivo e collborativo per lo sviluppo della capacità progettuale e di lavoro di gruppo nella condivisione di un progetto articolato, nel rispetto dell’altro, dei tempi, delle scadenze e dei materiali della qualità del prodotto finito.
• Uso delle moderne tecnologie computerizzate nella progettazione e realizzazione di un lavoro didattico ipermediale.
• Sviluppo della creatività e delle capacità espressive.
• Affinamento del gusto estetico-musicale e artistico.
• Avvio del giudizio critico.

Contenuti trattati nell'area musicale:
- Nascita e sviluppo del melodramma
- G. Verdi
- La Traviata
- Analisi storico-letteraria relativa all’opera studiata
- Concertazione, nelle due classi, di 6 interventi corali dell’opera da cantare in occasione dello spettacolo del 20 maggio al Teatro dell’Opera di Roma con prove singole e a classi aperte.
- Prove, in sede scolastica, con gli esperti del Teatro dell’Opera di Roma.
- Progettazione e realizzazione dell’ ipermedia G. Verdi e La Traviata , collaborativo tra le due classi.
- Stampa del libretto dell’ipermedia G. Verdi e La Traviata
- Preparazione didattica e conduzione viaggio d’istruzione nei luoghi verdiani
- Spettacolo al Teatro dell’Opera di Roma, il 20 maggio 2010, in collaborazione con gli artisti del Teatro dell’Opera di Roma e con altri 950 alunni di scuole romane e del Lazio.
- Spettacolo e mostra pubblica La Traviata, nel Teatro della sede scolastica, il 10 giugno 2010.
- Progettazione e realizzazione multimediale del video G.Verdi e le terre verdiane

46 12 5 2010 060.jpg

METODOLOGIE USATE

- Learning by doing.
- Blended learning.
- Media communication.
- Costruzionismo e costruttivismo.
- Apprendimento attivo e collaborativo.
- Didattica laboratoriale.
- Discussioni guidate e didattica del decentramento dei punti di vista.
- Sperimentazione dei diversi linguaggi creativi.
- Collegamenti interdisciplinari.
- Metodo della ricerca.
- Individualizzazione.

VERIFICHE EFFETTUATE

• Esercizi di ascolto.
• Esercizi di vocalità con particolare riferimento al controllo dell’intonazione, della dinamica e dell’agogica e del senso ritmico corale.
• Sintesi orale sui contenuti musicali, artistici, socio-culturali inerenti il tema trattato.
• Realizzazione ipermedia “G. Verdi e La Traviata”.
• Realizzazione del video “G. Verdi e le Terre verdiane”.
• Realizzazione depliant invito allo spettacolo, copertine cd e impaginazione libri con software adeguati.

teatro opera.jpg

PRODOTTI FINALI classi 2B e 2C
• Spettacolo La Traviata al Teatro dell’Opera di Roma, 20 maggio 2010, quali componenti del coro. (Prof.sse Mazzola-Muccioli-Santoni)
• Spettacolo e mostra finale La Traviata nella sede scolastica, 10 giugno 2010. (Prof.sse Mazzola-Muccioli-Santoni)
• Ipermedia “G. Verdi e La Traviata”. (Prof.ssa Mazzola)
• Libro G. Verdi e La Traviata”. (Prof.ssa Mazzola)
• Libro “Magia dell’Opera 2B”. (Prof.ssa Muccioli)
• Libro “Magia dell’Opera 2C”. (Prof.ssa Santoni)
• Viaggio d’istruzione nei luoghi verdiani.(Prof.sse Mazzola-Muccioli)
• Video “G. Verdi e le Terre verdiane”. (Prof.ssa Mazzola)
• Video “ Un viaggio musicale…” (Prof.ssa Muccioli)
• Pubblicazione lavoro intermedio e finale sul Weblog: Musica@scuola (Prof.ssa Mazzola)

46 12 5 2010 055.jpg

Grandi Musicisti 3A 2009-10

GRANDI MUSICISTI musica.jpg

Progetto della classe 3A 2009-10.
•Ogni alunno ha ricercato e approfondito l’arte di un musicista a partire da un aneddoto della sua vita e ha contribuito alla scrittura e realizzazione collaborativa di un ipermedia complesso.

Contenuto
•L’arte e la vita dei più grandi musicisti del patrimonio culturale musicale internazionale a partire da aneddoti e curiosità della loro vita:
L.V. Beethoven, G. Paisiello, N. Paganini, G.B. Pergolesi, F. Mendelssohn-Bartoldy, G. Rossini, W.A.Mozart, C. Saint-Saens, E. Grieg, F. Listz, G. Bizet, F. Schubert, G. Donizetti, G.F. Haendel, G. Pierluigi da Palestrina, G. Tartini, J.S. Bach, F.J. Haydn, L. Perosi, J. E. Massenet, R. Wagner, P. Mascagni, A. Toscanini, G. Verdi, L. Cherubini, C. Debussy.

METODOLOGIE USATE

• Costruzionismo e costruttivismo.
• Apprendimento attivo e collaborativo.
• Apprendimento per ricerca, scoperta e sperimentazione.
• Individualizzazione.
• Lavoro di gruppo.

PRODOTTI FINALI

• Ipermedia “Grandi Musicisti” su supporto CD-Rom.
• Libro ““Grandi Musicisti”” Curiosità, aneddoti, biografie e opere.
• Pubblicazione lavoro intermedio e finale sul Weblog: Musica@scuola http://blog.eun.org/musica.

Visualizza l'e-book Grandi musicisti

I grandi musicisti 3A Piranesi 2009-10 Prof.ssa M.R.Mazzola

Progetto europeo eTwinning...un esempio di apprendimento collaborativo!


Naviga il blog, in lingua veicolare francese, del nostro progetto eTwinning Les villes d'Europe: Rome- Athènes

http://blog.eun.org/rome-athenes

etwinning%20grecia.jpg

eTwinning è l’iniziativa principale del Programma dell’Unione Europea di eLearning.
Promuove la collaborazione scolastica in Europa attraverso l’uso delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (TIC) fornendo sostegno, strumenti e servizi per facilitare le scuole nella formazione di partenariati a breve e lungo termine in qualsiasi materia scolastica.
Si configura come un innovativo rapporto di partenariato pedagogico tra due o più scuole di Paesi europei che utilizzi in modo costante le TIC per consentire alle scuole gemellate di creare e gestire un progetto comune, vale a dire un’attività didattica innovativa e prolungata nel tempo.
Il gemellaggio elettronico garantisce alle scuole partecipanti innumerevoli benefici, quali lo scambio di conoscenze, esperienze, buone prassi, nonché il confronto fra i metodi di insegnamento, permettendo un accrescimento culturale, linguistico ed umano dei partecipanti. Offre, quindi, agli istituti gemellati delle opportunità di ammodernamento e di arricchimento uniche e permette loro di proiettarsi da protagonisti nel contesto europeo e trasmettendo la consapevolezza che viviamo in un’Europa unita, sempre più integrata, multilinguistica e multiculturale.

eTwinLogo.gif

Il progetto didattico “Les villes d’Europe: Rome - Athènes”ha continuato nel II anno di attività, un contatto culturale, epistolare e di apprendimento attivo e collaborativo con altri alunni e docenti della scuola greca IV Gymnasio Peristeriou di Atene.
L’ambiente di scambio, condivisione e di pubblicazione dei materiali e dei risultati è stato il blog “Les villes d’Europe: Rome - Athènes” indirizzo http://blog.eun.org/rome-athenes/.

CONTENUTI Anno II

• La cultura greca e la cultura italiana, a confronto, in Europa.
• La nuit en Greece et en Italie.
• Sonata al chiaro di luna di Beethoven.
• Claire de lune di Debussy.
• Piccola fuga di Bach.
• Toccata e fuga in re min. di Bach.
• Canone di Bach.
• L’Histoire de Babar di F. Poulenc.
• Scambio di prodotti multimediali a scopo socio-aggregativo-affettivo.
• Scambio di esperienze scolastiche delle classi coinvolte.
• Analisi e adesione al Manifesto europeo delle alunne e degli alunni europei.
• Fotografia e fotoritocco digitale.
• Realizzazione di presentazioni multimediali.
• Realizzazione di video-musicali.
• Composizione scritta e comprensione di documenti orali e scritti in lingua veicolare.
• Conversazione in chat e uso veicolare della Lingua francese.

multimedia_tools_etwinning_shortened.jpg
COMPETENZE MATURATE dagli studenti

• Competenza linguistica informatica
• Competenza paralinguistica
• Competenza cinesica
• Competenza prossemica
• Competenza socio-culturale
• Competenza performativa
• Competenza comunicativa
• Competenza relazionale
• Competenza estetica e critica
• Sviluppo del senso di responsabilità.

service_learning.gif

OBIETTIVI COGNITIVI E FORMATIVI RAGGIUNTI dagli studenti

• Acquisizione della capacità di saper scegliere e adattare i dati oggetto di scambio con gli alunni delle scuola partner greca.
• Acquisizione della capacità di scelta del layout grafico dei documenti da condividere in rete.
• Acquisizione della capacità di rielaborazione di testi, ritocco immagini, ottimizzazione di file musicali oggetto di scambio.
• Acquisizione della capacità di traduzione in lingua veicolare dei documenti oggetto di scambio.
• Acquisizione della capacità di rielaborazione e ottimizzazione delle informazioni ricevute.
• Implementazione dell’uso di una lingua veicolare (Francese).
• Acquisizione della capacità di buona collaborazione a distanza nel rispetto della netiquette e delle norme di buon partenariato.
• Uso delle TIC come principale mezzo di comunicazione nel rispetto di tempi, scadenze e spazi obbligati.
• Miglioramento nell’uso di mezzi tecnologici indispensabili alla realizzazione dei metaprodotti e del prodotto didattico finale.
• Uso corretto e creativo dei mezzi di produzione del suono e dell’immagine
(registratori, fotocamera digitale, computer, scanner, stampante, internet ecc.).
• Sviluppo di buoni rapporti epistolari via internet con coetanei greci nella prospettiva di poter creare amicizie personali.
• Sperimentazione della dimensione spazio-temporale virtuale attraverso l’esperienza di gemellaggio in rete.
• Maturazione delle risorse fisiche (mezzi percettivi e corporei), delle risorse affettive (accettazione di sé e dell’altro anche nell’ottica delle diversità e complementarità delle specifiche capacità individuali), sviluppo e consolidamento delle risorse intellettive (comprendere, analizzare, sintetizzare e produrre).
• Conoscenza e sperimentazione di una forma di apprendimento collaborativo in rete.
• Sperimentazione di percorsi di lavoro autonomo e di gruppo, metodologia e socializzazione attraverso la condivisione di un progetto comune (Costruttivismo e Costruzionismo sociale).
• Presa di coscienza dell’importanza della propria cultura e sviluppo del senso di appartenenza come base per la formazione di un atteggiamento aperto verso la ricchezza della varietà dell’espressione culturale di altri Paesi europei.
• Adesione al Manifesto europeo delle alunne e degli alunni europei.
• Consolidamento dell’integrazione degli alunni di più paesi europei al fine dell’ arricchimento multiculturale .
• Autoespressione mediante un’ampia gamma di mezzi di comunicazione.
• Sviluppo della creatività, delle capacità espressive ed estetiche.
• Orientamento, potenziamento e recupero.

Kidslitter.jpg

METODOLOGIE USATE

• Learning by doing
• Blended learning
• Media education
• Costruttivismo e costruzionismo sociale.
• Apprendimento attivo.
• Apprendimento collaborativo.
• Interdisciplinarità.
• Lavoro di gruppo.

informationprocessing.jpg


social-media-trends-2009jess3.jpg


How_to_recycle_your_old_computer_system.jpg

Blended-Learning-Logo-v1.png


Infine...
L’impegno degli alunni più creativi ed abili nell’uso delle TIC ha influito positivamente sul coinvolgimento partecipativo dei ragazzi meno attivi e ogni alunno ha saputo autonomamente scegliere e operare nell’ambito delle attività a lui più congeniali sia esse del settore musicale, linguistico, storico-artistico o tecnologico.
Il carattere collaborativo e attivo dell’apprendimento, congiunto all’uso delle nuove tecnologie applicate alla didattica, ha favorito lo sviluppo di conoscenze e competenze in quasi tutti gli alunni della classe.
Questa attività progettuale, condivisa nella motivazione da tutti i partecipanti, ha avuto una positiva ricaduta didattica nelle discipline di Musica e Lingua Francese e nell’affezione allo studio scolastico generale. Ha sensibilizzato e orientato, gli alunni e i docenti della classe coinvolta nella nostra Scuola e gli alunni e docenti partner, verso una migliore integrazione multicultare nel quotidiano locale e in direzione transnazionale.
I blog: “Les villes d’Europe: Rome - Athènes” http://blog.eun.org/rome-athenes/ e Musica@scuola http://blog.eun.org/musica) si sono rivelati utile ai fini dell’ottimizzazione dello scambio di informazioni, materiali, comunicazioni del docente e degli alunni al docente, della pubblicazione dei risultati in itinere e finali e anche come mezzo di espressione del progetto stesso.
La collaborazione con la docente referente della Scuola greca Prof.ssa Georgia Pezou è stata sempre molto puntuale, propositiva e efficacemente collaborativa e entusiasmante.

PRODOTTI FINALI

• Blog “Les villes d’Europe: Rome - Athènes” http://blog.eun.org/rome-athenes/
Libretto “Les villes d’Europe: Rome – Athènes” ">http://blog.eun.org/rome-athenes/
• Libretto “Les villes d’Europe: Rome – Athènes”
• Mostra eTwinning 2010
• Pubblicazione lavoro intermedio e finale sul blog: Musica@scuola http://blog.eun.org/musica.

30.05.10

La nostra cl@sse 2.0...cresce!

febbraio 010 025.jpg


la nostra cl@sse 2.0...cresce!

febbraio 010 032.jpg

http://www.scuola-digitale.it/classi-2-0/il-progetto/introduzione-2/

23.04.10

Johann Sebastian Bach - Classi 1 A-B-C

rappresentazione grafica di Toccata e fuga in Re min. di J.S.Bach

Toccata e fuga in Re min SYdney Town Hall


Rappresentazione grafica di "Piccola fuga"


Piccola fuga per una insolita band...

Piccola fuga di Bach all'organo

Babar le petit éléphant - F. Poulenc 3B 2009-10

Agli alunni della 3B:
cari ragazzi, vogliamo creare un video o altro prodotto multimediale sulla musica di F. Polenc: Babar, le petit éléphant?

babar1.jpg

Déchargez-vous, ici, la musique et... ensemble... libérons-nous l'imagination!...
Prof.ssa Mazzola

Download file

babar.gif


...et voilà...L'histoire de Babar de Francesco Gradi e Rodolfo reda della classe 3B 2009-10

Download file


Bravi!!!
Prof.ssa Mazzola

05.03.10

Coro dei matador Classi 2B e 2C Progetto La Magia dell'Opera

From Athena Grand Opera's March 1st, 2008 production of Verdi's La Traviata at the Classic Center, downtown Athens, GA. Dancers from The University of Georgia Dance Department; Chloe Zeitounian, Megan Tucker, Alexandru Muresan, and Ian Adams. Choreography by Denise Posnak. Laura Alley, stage director. Mark Cedel, conductor.


Fragment koncertu jubileuszowego "Najpiękniejsze chóry i arie operowe" z okazji 85-lecia ChAUW z 2-go grudnia 2006 r.
dyryguje Irina Bogdanovich

28.02.10

Noi e il Teatro dell'Opera di Roma

magia_medium.jpg

Progetto Magia dell'Opera con le classi 2B e 2C e il Teatro dell'Opera di Roma: La Traviata

Teatro_dell_Opera_di_Roma_logo_tif_big.jpg

Calendario degli incontri:
Teatro dell'Opera
Lunedì 8 febbraio 2010 ore 17,00
lunedì 15 febbraio 2010 ore 17,00
lunedì 15 marzo 2010 ore 17,00

Scuola Piranesi
venerdì 19 marzo 2010 orario da definire
venerdì 16 aprile 2010 orario da definire

Teatro dell'Opera di Roma
giovedì 20 maggio 2010 o
venerdì 21 maggio 2010 orario da definire

teatro,dell,opera,di,roma.jpg

Noi e i concerti dell'Accademia Nazionale di S. Cecilia

tutti%20a%20santalogook.jpg

Dalla Musica allo Strumento. . . e ritorno e altro...
la nostra stagione dei concerti 2009/10 all'Accademia nazionale di S. Cecilia

6f86b2d0.jpg

giovedì 17 dicembre • ore 10 • Voci Classe 2C
lunedì 25 gennaio • ore 10,30 •Ciak...si suona! Classe 2B
lunedì 01 febbraio • ore 10 • Gli splendori di Haydn e Mozart Classe 3C
mercoledì 3 febbraio • ore 10 • Legni Classe 2B
lunedì 22 febbraio • ore 10 • Direzione d’Orchestra Classi 3A e 3B
lunedì 1 marzo • ore 10 • Arpa Classi 1C e 2A
martedì 23 marzo • ore 10 • Pierino, il lupo & C. Classi 1A e 1B
lunedì 12 aprile • ore 10 • Voce do donna...o di mamma Classe 2B
giovedì 22 aprile • ore 10 • l'italia chiAmò Classe 3B
martedì 27 aprile • ore 10 • Canta che si parte! Classe 2C
giovedì 29 aprile • ore 10 • Orff Classe 2A
lunedì 3 maggio • ore 10 • Lo scoiattolo in gamba Classe 1B
giovedì 6 maggio• ore 10 • Cornamusa Classe 1C
Professori d’Orchestra e Artisti del Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Teatro Studio - Sala Petrassi - Sala S. Cecilia

Le Palestre Musicali sono laboratori innovativi che permettono ai ragazzi di entrare
in contatto, divertendosi, con tutto quanto fa musica: gli strumenti musicali,
le voci e gli artisti. I partecipanti non solo ascolteranno celebri brani ma,
proprio come in una vera “palestra musicale”, potranno cantare, suonare, dirigere
e alcune volte persino costruire prototipi di strumenti musicali. Un’occasione
per conoscere da vicino i Professori d’Orchestra, gli Artisti del Coro dell’Accademia
Nazionale di Santa Cecilia e per vivere per un po’ nel loro mondo.

Auditorium120.gif

-------
Ciak. . . si suona! Il cinema e le sue colonne sonore

700_dettaglio2_Accademia-Santa-Cecilia.jpg

Con la partecipazione della Banda Musicale della Guardia di Finanza
Direttore Ten. Col. Leonardo Laserra Ingrosso • Trombone Andrea Conti
Presenta Gregorio Mazzarese • Pianoforte Claudia Gori
Elaborazioni immagini a cura di NP Video
lunedì 25 gennaio • ore 10.30 Classe 2C

Che rapporto c’è tra musica e cinema? Quanto una colonna sonora può influire
sulla scena di un film? Partendo dallo straordinario rapporto creativo nato tra
il grande compositore Nino Rota e l’altrettanto grande regista Federico Fellini,
la celeberrima Banda Musicale della Guardia di Finanza ci condurrà nel mondo
della musica e del cinema, mostrandoci come i loro confini non siano poi così
definiti.
-----------------
Auditorium120.gif


Gli splendori di Haydn e Mozart - ll Classicismo in Musica fra certezze e libertà
A cura di Francesco Micheli

lunedì 1 febbraio • ore 10.30 Classe 3C

Viaggio nel mondo e nella mente di due geni della storia della Musica:
Haydn, l’ultimo grande compositore alle dipendenze di una corte e Mozart, il
primo artista “free lance”. Francesco Micheli, regista lirico che da anni conduce
fortunati progetti sperimentali sull’opera e sulla musica sinfonica in giro
per i teatri italiani, introdurrà il pubblico nell’universo artistico dei due talenti,
svelandone analogie e differenze, perfezioni ed “imperfezioni”.
------------------------------
Auditorium120.gif

Pierino, il Lupo & C
Favole musicali per voce recitante e orchestra

Direttore Franco Petracchi • Voce Recitante Valeria Marini
JuniOrchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

martedì 23 marzo • ore 10.30 Classi 1A e 1B

La JuniOrchestra, l’Orchestra dei ragazzi dell’Accademia Nazionale di Santa
Cecilia, dedica alle famiglie ed alle scuole due meravigliose fiabe in musica:
il celebre Pierino e il Lupo di Sergej Prokofiev e I Musicanti di Brema,
messa in musica da Alessandro Annunziata ed eseguita per quest’occasione
in prima assoluta.
-------------------------------
Auditorium120.gif

Voce di donna. . .o di mamma. . .
La Voce femminile e la musica come nutrimento nello sviluppo del cucciolo d’uomo

lunedì 12 aprile • ore 10.30 Sala Coro Classe 2B
Che bello ascoltare una voce di donna che canta o racconta! Se questa donna
poi è una mamma, magari in una sera di pioggia, accoccolata sul divano
con il suo bambino, allora è veramente il massimo... è bello, anzi, vitale,
quasi quanto nutrirsi.
---------------------------
Auditorium120.gif

L’Italia chiAmo‘ ! Sogni e Ideali del Risorgimento in Musica

audi1.jpg

giovedì 22 aprile • ore 10.30 Sala Santa Cecilia Classe 3B

In vista della celebrazione dei 150 anni dell’Unità d’Italia (1861 – 2011), gli
Artisti del Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia dedicano ai ragazzi
uno spettacolo che ripercorrerà in maniera semplice e appassionante i
momenti più significativi del Risorgimento, attraverso le Musiche più rappresentative
dell’epoca.
-----------------------------------
Auditorium120.gif

Canta che si parte! In viaggio tra gli stili musicali

In collaborazione con la ASL RM E - UOC Tutela Salute Mentale Riabilitazione
in Età Evolutiva e Disabili Adulti e Comune di Roma V Dipartimento
Orchestra di chitarre Musicartesio

martedì 27 aprile • ore 10.30 Sala Santa Cecilia classe 2C

L’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e la ASL RME propongono quest’anno
uno spettacolo originale e divertente che parla di un viaggio… tutto da ridere! Il
punto di partenza sarà un grande aeroporto in cui ne succederanno di tutti i colori.
I mille imprevisti e colpi di scena saranno lo spunto per conoscere persone
e stili musicali quanto mai vari e interessanti: dalla musica classica a quella
popolare, dalla musica etnica all’opera lirica.
-------------------------------------
Auditorium120.gif

Lo scoiattolo in gamba - Nino Rota e le sue musiche più belle

Testo di Eduardo De Filippo • Musiche di Nino Rota
Direttore Marco Della Chiesa D’Isasca • Regia Cesare Scarton
Artisti di Opera Studio • Ensemble Nino Rota, Cantoria
e Coro Arcobaleno dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia
Voce recitante Milena Vukotic

lunedì 3 maggio • ore 10.30 Sala Petrassi Classe 1B

Uno scoiattolo piange disperato nella foresta: è solo, senza la mamma e il
papà… ed è rimasto senza denti! Inizia così questa simpatica opera lirica in
miniatura che racconta le vicende di uno scoiattolo veramente in gamba che
riesce, con la propria astuzia, a beffare l’ingordo Re Pappone e i suoi invitati.
La vivace musica di Nino Rota accompagna lo svolgimento del racconto
e trasforma la gustosa favola di Eduardo in una simpatica occasione per far
conoscere ai ragazzi il mondo dell’opera.

-----------------------------
...ed ecco un reportage di Alice Di Nicolantonio - classe 3B 2009-10 - dal Museo degli strumenti Musicali del Parco della Musica di Roma

Download file
Brava, Alice!

27.01.10

La nostra Cl@sse 2.0 e l'equipe del Prof. Maragliano dell'Università Roma Tre


Il giorno 22 gennaio, nel pomeriggio, abbiamo incontrato i nostri tutor dell'Università Roma 3.

Ringrazio, anche a nome del nostro Dirigente Scolastico e dei colleghi del consiglio di classe, il prof. Maragliano, il prof. Sapuppo e il prof. Lucci per le idee, i suggerimenti e le suggestioni che hanno voluto condividere con noi.

Vi trasferisco alcuni elementi di osservazione, scaturiti nel corso dell'incontro, per condividere, con tutto il gruppo di lavoro del Lazio, con alunni e genitori, spunti e idee:
1. La Scuola non è al passo con i cambiamenti strutturali della società, percorrere strade di rinnovamento e adeguamento è ormai inevitabile;
2. La struttura della società, la vita lavorativa delle persone e il loro tempo libero sono sempre più orientati al network, occorre definire la propria identità nella rete, non averne paura e affidarsi, semmai, nell'organizzazione didattica, alla tutela che offre una piattaforma.
3. Usare la piattaforma nel quotidiano scolastico (a tal proposito: usare più frequentemente, proficuamente e anche in modo naturale, la nostra piattaforma di cl@sse 2.0);
4. Importanza della condivisione delle soluzioni didattiche sia all'interno del consiglio di classe che tra docenti impegnati nella stessa opera di cambiamento in altre sedi scolastiche;
5. Obiettivo finale: creare un clima generale di fiducia nell'attività scolastica e tanta voglia di comunicare.

Un momento importante, per lo sviluppo del nostro progetto, è stato l'incontro con i nostri ragazzi della cl@sse 2.0 e le loro famiglie.
Mi piace ricordare l'emozione che ho letto negli occhi dei nostri alunni, e...l'attesa, per tutta la mattinata, e... la loro rinuncia ad impegni 'importanti', per essere presenti...

L'incontro è stato proficuo e interessante e ringrazio tutti per il clima cordiale e piacevole che è stato possibile realizzare.
Prof.ssa Mazzola

Continue reading "La nostra Cl@sse 2.0 e l'equipe del Prof. Maragliano dell'Università Roma Tre" »

16.12.09

Arturo Toscanini - Progetto Grandi Musicisti Classe 3A 2009-10

Arturo_toscanini_1232511121.jpg

Prodigiosa era la memoria di Arturo Toscanini che dirigeva ogni opera senza spartito.
A New York, per provare la sua memoria, un violoncellista cancellò una battuta di secondaria importanza . Giunti a quel punto, Toscanini fermò l’orchestra e gridò al violoncellista:
“Lei ha omesso una battuta”.
“No, maestro, -risponde l’altro _ ho eseguito tutto ciò che è scritto”
“Allora c’è un errore sullo spartito” rispose il maestro.

(Da Padovan. “Il libro che diverte”)


Aneddoti tratti da Enciclopedia Alfabetica per ragazzi Casa Editrice Francesco Vallardi Società Italiana Libraria.

16.10.09

Presentazione Cl@ssi 2.0 S.M.S. G.B.Piranesi Roma

logoata_login.gif


 


Scarica la presentazione in formato. pps

Scarica il file


Continue reading "Presentazione Cl@ssi 2.0 S.M.S. G.B.Piranesi Roma" »

18.09.09

Cl@ssi 2.0 2009-10 alla S.M.S. G.B. Piranesi di Roma

Montecatini 086.jpg

classi_2_0.jpg

Montecatini 081.jpg


Libro di testo elettronico, lavagna interattiva multimediale (Lim) e una forte sperimentazione condotta nelle Cl@ssi 2.0. Sono le direttrici di quest'anno scolastico per accelerare il passaggio della scuola verso un utilizzo più diffuso delle tecnologie dell'informazione della comunicazione.

Seguirà il trasferimento di contenuti dei libri di testo, dal cartaceo al digitale, che comunque dovrà essere compiuto obbligatoriamente per legge entro il 2011. Le Lim sono state individuate dal ministero dell'Istruzione nel piano d'intervento «La scuola digitale» (analogamente a molti altri Paesi), come la tecnologia chiave per impostare una didattica collaborativa che coinvolge molto più attivamente gli studenti e ristruttura profondamente il lavoro di insegnamento in classe.

Scomparsa la tavola di ardesia, gli oggetti (testi, immagini, link eccetera) proiettati sullo schermo della classe diventano disponibili all'interazione di studenti e docenti. Il ministero dell'Istruzione, supportato dall'Agenzia per lo sviluppo scolastico (ex Indire), ha avviato una prima fase, iniziata nel gennaio 2009, che ha visto più di 11mila richieste di assegnazione di Lim e 40mila insegnanti che hanno deciso di partecipare alla formazione per poterle utilizzare. Il piano prevede che, nel corso di questo anno scolastico (2009-2010), 16mila lavagne saranno installate nelle classi della scuola di primo grado e che 25mila insegnanti inizino un percorso di formazione da settembre, raggiungendo in questo modo un bacino di oltre 350mila studenti.

Una spinta sulla via della sperimentazione dovrebbe venire da Cl@ssi 2.0: un progetto rivolto a 156 istituzioni scolastiche della scuola secondaria di primo grado, su 2300 richieste, che prevede di dotare una classe prima di una completa attrezzatura tecnologica (30mila euro di tecnologia per ogni classe). «L'intento dell'iniziativa – recita il bando di concorso per l'individuazione delle classi coinvolte nella sperimentazione che si è svolto prima dell'estate – è quello di realizzare ambienti di apprendimento adatti a un utilizzo costante e diffuso delle tecnologie nella quotidianità scolastica, al fine di verificare, in un triennio, come e quanto l'impatto possa intervenire nei processi formativi in un'epoca di trasformazioni dei linguaggi della comunicazione e della diffusione dei saperi». Il progetto avrà il supporto di diciotto università, una per regione.

Da così:

banchi.jpg


a così:

classe.jpg


Le cl@ssi che in Italia sperimenteranno il processo di innovazione sono 156, 12 nel Lazio e 4 a Roma.
La S.M.S. G.B. Piranesi , referente la Prof.ssa M.R.Mazzola, è stata selezionata per la sperimentazione cl@ssi 2.0, con la partecipazione della classe 1A. IL gruppo di lavoro sarà composto dai docenti del Consiglio di Classe, dal Prof. Roberto Maragliano dell'Università Roma 3, dall'USR, dai Nuclei Territoriali, dal MIUR e dall'Agenzia nazionale ANSAS.

La Scuola, inoltre, nel piano del progetto Scuola Digitale ha avuto l'assegnazione di 4 LIM.

classi_2_0.jpg

Continue reading "Cl@ssi 2.0 2009-10 alla S.M.S. G.B. Piranesi di Roma" »

02.11.07

La Fontana dei Fiumi. Piazza Navona... danza e suona!

piazza Navona danza e suona libro.JPG

Continue reading "La Fontana dei Fiumi. Piazza Navona... danza e suona!" »

27.10.07

La fontana dei Fiumi. Piazza Navona...danza e suona!

font.dei fiumi 1° Premio  XVI° Biennale di Pisa 06.jpg

Continue reading "La fontana dei Fiumi. Piazza Navona...danza e suona!" »

18.10.07

Adotta un monumento Piranesi pag 187

adtta un monumento 1 logo.JPG


pag 187 pubbl adotta.JPG

adotta un monumento 20 maggio 2007018.jpg

8int adotta un monumento 20 maggio 2007019.jpg

manifestazione 20 maggio 07 piazza navona023.jpg

IMG_0198.JPG

IMG_0059.JPG

img123023.jpg

img123024.jpg

Piazza Navona 8.jpg

Piazza Navona 8-10.jpg

Sbandieratori Piranesi - Prof.ssa M.R.Mazzola

Piazza Navona 14-5.jpg

Piazza Navona 14-6.jpg

Piazza Navona 14-22.jpg

Piazza Navona 14-23.jpg

Piazza Navona 14.jpg

Continue reading "Adotta un monumento Piranesi pag 187" »

17.10.07

Pubblicazione Adotta un monumento 2005-2007

pubblicazione adotta un mon 05- 07.JPG

Continue reading "Pubblicazione Adotta un monumento 2005-2007" »

Piranesi - Adotta un monumento pag 186

adot un mon pag 186.JPG

Continue reading "Piranesi - Adotta un monumento pag 186" »