Main

06.06.15

Mamma mia dammi cento lire - Emigrazione italiana

america4.png america2.png Download file

25.05.15

Le città invisibili

Download file Le città invisibili

26.03.14

Ci siamo trasferiti...

Dopo 7 anni di fedeltà alla piattaforma MT topnav-logo-popup.gif
abbiamo eportato i nostri contenuti su Musica e Tecnologie @ scuola
Continuate a seguirci!
Grazie Movable Type!!
Maria Rosa Mazzola
71638.jpg

30.10.13

Azione Scuola Digitale - cl@ssi 2.0 all'I.C. dal Verme Roma

09.02.13

L'acqua in...musica

Chopin prelude n.15 - "la goccia" - guida all'ascolto di don Giussani Georg Friedrich Händel - Musica sull'acqua Videoascolto suggerito da Emanuele M. classe 2.0 1A 2012-13 I.C. Via dal Verme Roma

25.06.12

Grazie a tutti voi, ragazzi della cl@sse 2.0 2009-12!

Grazie a tutti voi, ragazzi della cl@sse 2.0 2009-12!

10.06.12

Documentazione didattica della Cl@sse 2.0 G. B. Piranesi Roma


Scuola Digitale - Cl@ssi 2.0 - Video di documentazione didattica della Cl@sse 2.0 G. B. Piranesi Roma. Docente referente Maria Rosa Mazzola - Sez. A 2009-12

www.classe20piranesi.altervista.org
(Licenza dei genitori degli alunni della cl@sse 2.0 G.B.Piranesi Roma ai sensi dell’art.13 del Decreto Legislativo 196/2003)

Sito web di documentazione didattica Cl@sse 2.0 G.B.Piranesi Roma

Sito cl@sse 2.0 ic dal verme.jpg

Sito web di documentazione metodologico-didattica dell'esperienza cl@sse 2.0 dell'I.C. Via Dal Verme - ex G.B. Piranesi Roma

http://www.classe20piranesi.altervista.org
(Licenza dei genitori degli alunni della cl@sse 2.0 G.B.Piranesi Roma ai sensi dell’art.13 del Decreto Legislativo 196/2003)

I video dei miei alunni (2011-12)

Noi, ragazzi della IIIA 2012 è un video realizzato da Giulia T. della cl@sse 2.0 G.B.Piranesi Roma. " Questo video non è per dirvi addio...è per dirvi grazie! [...] Non piangete perchè è finita ma...ridete perchè c'è stata" G.T.

(Licenza dei genitori degli alunni della cl@sse 2.0 G.B.Piranesi Roma ai sensi dell’art.13 del Decreto Legislativo 196/2003)

J.S. Bach Preludio dalla Suite n. 1 per violoncello in Sol Magg. di Alessandro R. classe 1A 2011-12

Viaggio in Friuli Venezia Giulia e Slovenia - Maggio 2012 di Sara Innocenzi classe 3C 2011-12

classe 2.0 from Flavio Galasso on Vimeo.

Hello! La nostra cl@sse 2.0 di Flavio Galasso 3A 2011-12

Vasco Rossi di Alessio Rossi classe 3H 2011-12

Buon compleanno Italia di Ludovica Colella cl@sse 2.0 2A 2010-11

Viva l'Italia di Ludovico Marcellini cl@sse 2.0 2A 2010-11

La maledizione di Macbeth di Sara Martucci classe 3A 2010-11

Benvenuti al Nord di Mariano Artene cl@sse 2.0 3A 2011-12

La chiave di Sara di Mariano Artene e Flavio Galasso cl@sse 2.0 3A 2011-12

150 anni Unità d'Italia di Islam Sazzad cl@sse 2.0 3A 2011-12

Continenti di Amin Velli cl@sse 2.0 3A 2011-12

Alice in Wonderland di Amin Velli cl@sse 2.0 3A 2011-12

21.05.12

Siti web, blog e glog degli alunni della cl@sse 2.0 G.B. Piranesi 2012 Roma

copertina siti web 2012 cl@sse.JPG

indice siti1.JPG

Elenco dei siti web e Blog pubblicati dagli alunni della cl@sse 2.0 3A 2011-12 - Progetto pubblicare in rete.

indice glog 1.JPG

indice glog 2.JPG

Elenco dei Glogster pubblicati dagli alunni della cl@sse 2.0 3A 2011-12 - Progetto pubblicare in rete.

Download file Siti web, Blog e Glog della Cl@sse 2.0 3A 2011-12 in formato flash

Siti web, blog e glog degli alunni della cl@sse 2.0 G.B. Piranesi 2012 Roma - Progetto Pubblicare in rete

Sfoglia l'e-book Siti web, Blog e Glog degli alunni della cl@sse 2.0 G.B.Piranesi di Roma a cura di M.R.Mazzola

(Licenza dei genitori degli alunni della cl@sse 2.0 G.B.Piranesi Roma ai sensi dell’art.13 del Decreto Legislativo 196/2003).

19.05.12

Album di composizioni musicali originali della cl@sse 2.0 3A 2011-12

Album n.1 La notte - Nove composizioni aleatorie degli alunni della cl@sse 2.0 2011-12 G.B.Piranesi di Roma a cura di M. R. Mazzola

Sfoglia l'Album n.1 La notte - Nove composizioni aleatorie degli alunni della cl@sse 2.0 2011-12 G.B.Piranesi di Roma a cura di M. R. Mazzola

Album n 2 Peonie fiorite - Dodici composizioni aleatorie degli alunni della cl@sse 2.0 2011-12 G.B.Piranesi di Roma a cura di M. R. Mazzola

Sfoglia l'Album n 2 Peonie fiorite - Dodici composizioni aleatorie degli alunni della cl@sse 2.0 2011-12 G.B.Piranesi di Roma a cura di M. R. Mazzola

Album n.3 Il mare - Dodici composizioni aleatorie degli alunni della cl@sse 2.0 2011-12 G.B.Piranesi di Roma a cura di M. R. Mazzola

Sfoglia l'Album n.3 Il mare - Dodici composizioni aleatorie degli alunni della cl@sse 2.0 2011-12 G.B.Piranesi di Roma a cura di M. R. Mazzola

Album n.4 Anemoni e ciclamini - Quattordici composizioni aleatorie degli alunni della cl@sse 2.0 2011-12 G.B.Piranesi di Roma a cura di M. R. Mazzola

Sfoglia l'Album n.4 Anemoni e ciclamini - Quattordici composizioni aleatorie degli alunni della cl@sse 2.0 2011-12 G.B.Piranesi di Roma a cura di M. R. Mazzola

04.04.12

Piattaforma Music@scuola e-learning di M.R.Mazzola

piattaforma mazzola.JPG

CANON de PAgagNINI en "Le plus grand cabaret du Monde" de TVFrance 2

PagaGnini in concerto - With or without you

08.12.11

Mozart...scrive! e-book

Clicca sull'immagine e sfoglia la versione e-book di Mozart...scrive! I Premio 6° Scuola Musica festival 2006. Classe 2B 2005-06.


Mozart...scrive! G.B.Piranesi Roma - Premio VI Scuola Musicafestival 2006 Prof.ssa M.R.Mazzola

www.piranesi150.altervista.org

Naviga il nostro sito web:
O Patria mia! la musica e il sentimento patriottico.

o patria mia cop.jpg

URL:www.piranesi150.altervista.org

27.11.11

Esercitazione con Audacity n. 1 Cl@sse 2.0 e Informatic@mente 2012

Esercitazioni con Audacity.jpg

Esercitazione n.1

pini di roma2.jpg


Sacrica qui l' esercitazione n.1 con Audacity
Download file

Scarica qui il file mp3 I Pini di Roma di O. Respighi per eseguire l'esercitazione n.1 di Audacity
Download file

Buon lavoro!
Prof.ssa Mazzola

19.11.11

Dicono di noi...nel web!

In Gran Bretagna

sito 1.jpg


sito 1 2.jpg


http://enjoyingcultures.edublogs.org/author/kgs123/

November 2, 2007
Two new wonderful blogs from schools across Europe
Filed under: Latest News — kgs123 @ 11:08 am and

The first blog is simply called ‘Musica’ and has been created by Maria Rosa Mazzola from Italy. It is beautifully designed and full of items of music to suit all tastes. click on following link to go to blog pages…. blog.eun.org/musica The second wonderful blog is from Vincent Mespoulet from France. His blog is [...]

*****************************************************************************************************************************
Nel Quebec


quebec 1.jpg


quebec 2.jpg


http://www.quebecetudiant.net/videos/?v=5t-5SMoFBEk


*****************************************************************************************************************************
In Italia

compagno di classe1.jpg


compagno di classe2.jpg


http://www.compagnodiclasse.com/vidfeeder.php?tag=Portogallo&keyword=tecnologie

*****************************************************************************************************************************

roma bella.jpg


http://www.trazi.org/video/video/-b_POJhueAQ/function.simplexml-load-file

*****************************************************************************************************************************
In Francia

recrutement1.jpg

recrutement2.jpg

recrutement3.jpg


http://www.recrutement.xproduits.com/video/5t-5SMoFBEk/W-eTwinning.html

*****************************************************************************************************************************

zumbo video1.jpg

zumbo video2.jpg

http://zomobo.net/Autunno


*****************************************************************************************************************************
In Grecia

ewinning grecia1.jpg

ewinning grecia2.jpg

http://www.etwinning.net/en/pub/profile.cfm?f=3&l=el&n=33566


ewinning italia1.jpg

http://desktop.etwinning.net/index.cfm

*****************************************************************************************************************************

vengle1.jpg

veengle2.jpg

veengle3.jpg


http://www.veengle.com/s/Scuola%20Europa.html

*****************************************************************************************************************************

In Italia

madonie1.jpg

madonie2.jpg

http://www.tourmadonie.com/site/madonie-channel/youmadony.html?task=play&id=24&sl=hirated&layout=listview

*****************************************************************************************************************************


neac1.jpg

http://www.neac2.eu/members.htm


*****************************************************************************************************************************

bajardi1.jpg

bajardi2.jpg

http://www.bandamusicalebajardi.it/index.php?option=com_content&view=article&id=48&Itemid=27

bajardi3.jpg

http://www.bandamusicalebajardi.it/index.php?option=com_content&view=article&id=56&Itemid=61


****************************************************************************************************************************
Il Tempo 25 febbraio 2004

La banda musicale con 80 musicisti di Sculture e Suoni e la Serenata per l'Europa di M.R.Mazzola


Il tempo2 25-02-04 carnevale.JPG

prima pagina Il tempo 25-02-04.JPG

Carnevale al colosseo banda.JPG

Ascolta Serenata per l'Europa di M.R.Mazzola

Download file

Composizione originale per la banda musicale di Sculture e Suoni eseguita in occasione della sfilata di Carnevale al Colosseo.

Visualizza l'e-book Sculture e Suoni

Sculture e Suoni  - L'inquinante riciclato

****************************************************************************************************************************
Il Corobiniere News - O Patria mia! Musica e Sentimento Patrio nella IIIa pagina di ogni numero articoli tratti dal sito web www.piranesi150.altervista.org della Scuola Piranesi di Roma Prof.ssa M.R.Mazzola

Il Corobiniere News - Foglietto d'informazione del Coro Polifonico "Salvo D'Acquisto" Con l'Alto Patronato dell'Ordinariato Militare per l'Italia Roma Promotore e Presidente onorario Gen. D. CC Antonio Ricciardi - Gennaio - Novembre Anno 2013

"Una bellissima iniziativa, quella degli Alunni della Scuola
“Piranesi” di Roma, che ci dà la possibilità di sviluppare gli
argomenti proposti e altri ancora, sempre legati alla musica
e al sentimento di Patria, affini al repertorio che, come
Coro, andiamo parallelamente a sviluppare sotto la guida
del nostro Direttore, il M° Massimo Martinelli" - I° Gennaio 2013


Il Corobiniere News anno 2013 z.jpg

12.11.11

Regole per creare una buona presentazione Cl@sse 2.0 e corso Informatic@mente 2012

Regole per creare una buona presentazione.jpg


Download file Regole per creare una buona presentazione in flash Object

Sfoglia il file Regole per creare una buona presentazione

Regole per creare una buona presentazione di M.R.Mazzola


Download file Regole per creare una buona presentazione in pdf


http://www.scuola-digitale.it/classi-2-0/il-progetto/introduzione-2/

06.11.11

Vademecum per gli insegnanti

30.10.11

Esperienza didattica in blended learning

ESPERIENZA DIDATTICA IN BLENDED LEARNING: progetto in piattaforma Moodle, costruzione collaborativa e pubblicazione sito web www.patriamia.tk

di Maria Rosa Mazzola

LA SOCIETÀ È CAMBIATA

La società è cambiata e continua a mutare rapidamente. Le strutture sociali, l’educazione e la conoscenza, fino a poco tempo fa, si basavano su strutture gerarchiche o lineari; oggi non si può contare su un ordine preciso. Gli individui si trovano di fronte a contesti nuovi, più complessi e sempre più orientati al network. Una delle tante cause di questa evoluzione sociale verso la società interconnessa dipende dal rapido sviluppo e dall'espansione della tecnologia informatica. Oggi è molto più facile, veloce ed economico trovare informazioni tramite gli strumenti telematici rispetto a quanto avveniva un tempo; ma queste informazioni sono anche enormemente aumentate e il filtro che gli utenti possono dare alle informazioni che ricevono è prezioso. La comunicazione tra le persone avviene indipendentemente dal tempo e dallo spazio; le distanze tra culture diverse si sono ridotte. Nella società della rete, l’individuo deve necessariamente ridefinire la propria identità ed essere in grado di agire all’interno della comunità in modalità interattiva e ‘sferica’. In questo nuovo scenario, insegnanti e studenti devono essere preparati al cambiamento di valori e tradizioni basilari.

LA SCUOLA DEVE ADERIRE AL CAMBIAMENTO

L’obiettivo della scuola contemporanea è di fornire agli studenti l’opportunità di preparare le qualifiche necessarie per diventare cittadini attivi, autonomi e responsabili nella società del network. Questo significa ripensare la struttura della scuola come organizzazione dinamica e, nello stesso tempo, rimodellare i ruoli di studenti e docenti e ri-mediare i contenuti dell’istruzione. Le diverse discipline devono essere sviluppate nei loro concetti e contenuti in modo sì tradizionale, ma sperimentando il valore aggiunto che può essere apportato dalle nuove tecnologie. In altre parole, la scuola deve affrontare uno dei grandi temi della cultura contemporanea, ovvero quello della “gestione della conoscenza”. Le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (ICT) valorizzano le modalità di comunicazione e di trasmissione della conoscenza e danno una forte spinta a tutti i processi di gestione di conoscenza codificata. Per gestire la cultura di una società i cui elementi caratteristici sono lo scambio veloce d’informazioni, la condivisione delle conoscenze, il network e la collaborazione, la strategia generale della scuola deve basarsi su questi elementi.

RUOLO DEI DOCENTI

È cambiata la società, è fondamentale, dunque, che la professionalità del docente muti in relazione al cambiamento della scuola e dell'incidenza delle ICT nella società. I docenti dovrebbero ridefinire la loro identità, valutando seriamente la possibilità di applicare nuove strategie educative, nuovi modelli metodologici e nuovi strumenti didattici. Nel gennaio 2008 l’Unesco insieme con altri partner ha indicato i parametri per la descrizione delle competenze ICT che devono avere i docenti del terzo millennio: il progetto ICT-CST (Information and Comunication Technology - Competency Standards for Teachers) sottolinea, appunto, il ruolo delle ICT, le riforme educative, lo sviluppo economico. Anche l’UE, con il Trattato di Lisbona (marzo 2000), ha definito uno specifico programma quadro, il 7° PQ, che è il principale strumento finanziario predisposto a incentivare le discipline scientifiche. È stata posta attenzione sullo sviluppo di una ricerca che soddisfi le necessità dell’industria europea, attraverso il lavoro delle piattaforme LMS e delle iniziative tecnologiche congiunte.

E-LEARNING E BLENDED LEARNING

E-LEARNING: COSA VUOL DIRE?

E-learning vuol dire apprendimento elettronico, ovvero attività di formazione ripensata nell'ambito della rete. La rete è una infrastruttura ma è, soprattutto, un modello artificiale della realtà e un ambiente che produce modalità di rappresentazione e organizzazione della conoscenza. La rete con il web 2.0, riduce i confinamenti ed esalta l'apertura della conoscenza nell'ottica di una realtà aumentata. La rete, in più, integra, unisce e collega gli attori del rapporto educativo (insegnante-alunno-comunità), perciò risulta scorretto, oggi, pensare ad e-learning, riduttivamente, come insegnamento a distanza. Risultano semmai a distanza l'apprendimento e l'insegnamento ordinari poiché, per ragioni logistiche e temporali, la maggior parte dei momenti e delle modalità di relazione educativa hanno luogo realmente a distanza e in totale ed irreversibile asincronia.
In e-learning, invece, i momenti e le funzioni dell'apprendimento e dell'insegnamento si integrano, con tempi e modi flessibili e, cosa più importante, con particolare attenzione alle caratteristiche di chi apprende piuttosto che a quelle di chi insegna. Da qui il significato di apprendimento elettronico (e-learning), piuttosto che di insegnamento elettronico (e-teaching).

E-LEARNING: UN NUOVO MODELLO DI RELAZIONE EDUCATIVA

L'e-learning, dunque, centra l'attenzione sull'apprendimento, piuttosto che sull'insegnamento. Inoltre, data la sua collocazione in spazi virtuali raggiungibili da più soggetti contemporaneamente, riesce a collegare e far crescere insieme, nella logica della rete, una comunità di apprendimento che interagisce, collabora e si integra.
Questo approccio metodologico sviluppa l'apprendimento collaborativo piuttosto che l'apprendimento duale o al massimo con il solo gruppo classe, tipico della didattica corrente.
Si sollecita, perciò, un apprendimento della comunità piuttosto che un apprendimento dell'individuo, e si facilita l'interazione di tutti con tutti attraverso la condivisione di un medesimo ambiente di lavoro. Il singolo è messo nella condizione di elaborare e condividere con altri una porzione aperta di conoscenza. Le dinamiche educative non prevedono più che il singolo ascolti solo il docente e parli solo se interrogato, ma sono adatte a facilitare tutti che ascoltano tutti e tutti che parlano con tutti, senza rigide distinzioni di ruoli.

E-LEARNING: PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ E FLESSIBILITÀ

La didattica corrente, centrando l'attenzione sull'azione dell'insegnamento, considera prevalente la pianificazione a priori delle attività educative.
L'e-learning, invece, proprio in considerazione delle variabili dinamiche di apprendimento collaborativo, attribuisce un grande valore alla flessibilità - dei ruoli, dei contenuti, delle azioni, delle attività, dei tempi. La pianificazione didattica, in e-learning, può rimanere tradizionale nella parte concernente le finalità, gli obiettivi da raggiungere e i mezzi dell'azione didattica, ma non può essere che macropensata e alquanto flessibile nell'articolazione dei contenuti, delle dinamiche, dei tempi e, spesso, dei prodotti finali.

E-LEARNING: STORIA E ASPETTI INNOVATIVI NELLA MODERNA PEDAGOGIA

I tentativi di approccio educativo delocalizzato (FAD) non sono recenti. I primi esperimenti di educazione a distanza risalgono al 1837, in Gran Bretagna, ad opera di Isaac Pitman che istituì un corso di stenografia per corrispondenza.
Da quel momento della storia ad ora la formazione a distanza ha registrato una grande trasformazione e una spiccata accelerazione che, attraverso tre generazioni di modelli e cavalcando il progresso tecnologico della società, è pervenuta a noi con innovative connotazioni metodologico-didattiche.
La prima generazione (dalla fine del XIX sec. alla prima metà del XX) è stata caratterizzata da una formazione tradizionale che ha usato la corrispondenza postale.
La seconda generazione (seconda metà del XX sec.) è stata caratterizzata da una formazione distribuita tramite sussidi multimediali e mezzi di comunicazione di massa (radio e televisione).
La terza generazione (dagli anni '80 del XX sec. a oggi) è caratterizzata da una formazione in rete grazie all'uso delle tecnologie telematiche e al web 2.0.
L'aspetto innovativo dell'e-learning è dato, in sintesi, dalla centralità dell' apprendimento nell'azione educativa, dall'apertura, senza confinamenti, della costruzione della conoscenza, dalla capacità di connessione di comunità d'apprendimento in sincronia e asincronia, dalla flessibilità dei ruoli, delle attività e dei tempi, dalla rappresentazione della conoscenza come realtà aumentata rispetto al reale, e infine dal superamento del cognitivismo in favore del costruttivismo.

BLENDED LEARNING

Il blended learning (learning=apprendimento, blended=miscelato), detto anche apprendimento combinato, o formazione mista, oppure formazione integrata, è un sistema didattico utilizzato per corsi formativi che si basa sull’utilizzo complementare di due metodi di insegnamento: quello tradizionale che si svolge in aula, e quello in e-learning.
Il blended learning è, insieme al learning by doing e all’anchored instruction , uno dei principali modelli didattici utilizzati nell’ambito dell’e-learning. Il blended learning rappresenta una soluzione che sta ottenendo un successo rilevante sia in efficacia che in gradimento, ed è una formula didattica specialmente adatta, al momento, ad essere applicata nel lavoro scolastico dei gradi medio-superiori.
Nel blended learning gli strumenti e i momenti dell’insegnamento in presenza e quelli a distanza che utilizzano le nuove tecnologie, si integrano a vicenda in modo continuo: le lezioni frontali, i lavori di gruppo, con le piattaforme e-learning dotate di risorse quali video, forum, chat, tutor on-line, ipertesti, blog, laboratori individuali o di gruppo, messaggi, e-mail, wiki, test, web, immagini, presentazioni, slide show. Il risultato è una compresenza di attività sincrone, asincrone, in presenza e a distanza.
La combinazione di questi vari elementi non è casuale, ma strutturata secondo una strategia precisa volta ad utilizzare al meglio le potenzialità della formazione tradizionale e di quella a distanza, e a coniugare gli aspetti positivi di entrambe le esperienze (costante accessibilità dei materiali didattici ed interazione in presenza).

STRUMENTI TECNOLOGICI E NUOVI MODELLI DIDATTICI: LIM, LEARNING OBJECTS E PIATTAFORME LMS

LIM, learning objects e piattaforme LMS sono strumenti di lavoro che potenziano la didattica integrata con le nuove Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione.

La LIM riassume in sé le potenzialità di altri media ed amplifica la sua efficacia se integrata con altre metodologie, software, tecnologie, come dimostra la considerevole rassegna di Schuck e Kearney dell’University of Technology di Sidney, commissionata dal Department of Education and Training del New South Wales (la più popolosa regione dell’Australia), in cui si analizzano quasi 40 modi di utilizzare la lavagna in ogni ordine di studi, in molteplici modalità, discipline, tipologie di insegnamento. Il tutto in nome dell’interattività, che determina fortemente il senso dell’impiego della LIM e dei suoi software , tanto da poter individuare almeno quattro gradi crescenti che corrispondono a quattro diverse tipologie di apprendimento/insegnamento:
• trasmettere: leggere/ascoltare/vedere in grande;
• partecipare e modificare: miscelare la scrittura e il disegno digitale e il manuale;
• costruire e condividere: manipolare, assemblare e gestire file in presenza;
• documentare: registrare lezioni, compiti, test, performances musicali, video e altro creando un repository di materiali fruibili nel tempo.

I learning objects sono “blocchi didattici”, autonomi tra loro e indipendenti dal contesto, che possono essere assemblati in ogni momento, in base alle esigenze del discente.
Il learning object deve avere le caratteristiche precise di facilità di fruizione, breve durata ed esaustività di contenuti. Il L. O. deve contenere, dunque, l'obiettivo d'apprendimento, il contenuto didattico, l'esercitazione e il test di valutazione. I contenuti didattici devono, inoltre, risultare riusabili e componibili. Il file deve essere poco pesante per risultare facilmente trasmissibile in rete.

Le piattaforme e-learning LMS, cioè Learning Management System (letteralmente: sistemi di gestione dell’apprendimento) sono invece delle strutture disponibili in rete che contengono una serie di potenti supporti e strumenti utili alla didattica: lezioni, wiki, database, glossari, test, forum, chat, calendario, news, risorse varie come video, SCORM, pagine web, ecc, valutazioni, report. Questo strumento favorisce il lavoro delle e-learning communities in connotazione dichiaratamente formativa. Il concetto del cooperative learning è alla base di questa modalità formativa e le piattaforme dispongono di strumenti di cooperazione per cui i materiali prodotti dagli utenti vengono condivisi da tutta la comunità per la comune crescita. Il tutor, presente in piattaforma, ha la funzione di stimolo alla comune partecipazione e di sollecitazione anche alla condivisione di materiali prodotti dagli utenti stessi.

Continue reading "Esperienza didattica in blended learning" »

10.08.11

Booktrailer Le versioni della mezza noce


Le versioni della mezza noce di Annalisa Maniscalco
Giulio Perrone Editore

Booktrailer di Maria Rosa.Mazzola
Colonna sonora "Vento" di Lorenzo Di Toro eseguita dall'autore.

Continue reading "Booktrailer Le versioni della mezza noce" »

31.05.11

Seminario regionale Progetto GOLD - Tra didattica e nuovi linguaggi. Documentare per la scuola con il sistema Gold - Roma 27 maggio 2011

Seminario GOLD 27 maggio 2011.JPG

Roma - Aula Magna Istituto Comprensivo Regina Elena - 27 maggio 2011

Che cosa è GOLD

GOLD è la banca dati Internet delle esperienze più innovative ed interessanti realizzate nelle scuole italiane di ogni ordine e grado.

GOLD perché

Scopo di GOLD è diffondere a beneficio di tutti il patrimonio di ‘conoscenza didattica’ prodotto dalle scuole - idee e strumenti realizzati in situazione ma trasferibili in contesti diversi.

GOLD per chi

"Dalla scuola per la scuola": gli insegnanti alle prese con un problema didattico possono trovare in GOLD un aiuto a cui ricorrere. Consultando le banche dati GOLD regionali e nazionale, non solo entreranno in contatto con concrete situazioni simili alla loro, ma potranno usufruire di strumenti collaudati per risolvere il loro specifico problema.

GOLD come

Tutte le scuole italiane, statali o paritarie, possono inserire le loro esperienze nelle banche dati regionali, che fanno riferimento ai Nuclei Regionali dell'Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell'Autonomia Scolastica (ex IRRE). I Nuclei Regionali assicurano la loro assistenza alle scuole sia nella fase di sviluppo dell’esperienza, sia nella fase della sua documentazione.

Le esperienze inserite sono poi segnalate da ciascun Nucleo Regionale a una Commissione Nazionale, che le valuterà sulla base di criteri condivisi all'interno del gruppo di lavoro GOLD.

Le migliori esperienze selezionate entrano a far parte dell’Archivio nazionale delle buone pratiche.

Una banca dati…ma non solo

Oltre alla banca dati delle esperienze didattiche, GOLD mette a disposizione degli insegnanti materiali e strumenti per diffondere e facilitare la pratica della documentazione nella scuola, ad esempio un ambiente di formazione specifico all'interno della piattaforma FOR.
http://gold.indire.it/gold2/

Continue reading "Seminario regionale Progetto GOLD - Tra didattica e nuovi linguaggi. Documentare per la scuola con il sistema Gold - Roma 27 maggio 2011" »

14.05.11

Conferenza Internazionale "Implementing 21st century ways of learning and schooling"

Giovedì 12 maggio a Roma, presso il Roma Eventi Conference Centre, si è tenuta la Conferenza internazionale "Implementing 21st century ways of learning and schooling", organizzata dall'Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell'Autonomia Scolastica in collaborazione con European Schoolnet (EUN).

DSCF1237.JPG

European Schoolnet (EUN) è una rete di 31 Ministeri dell'Istruzione d'Europa che si occupa principalmente dello sviluppo delle ITC nelle Scuole e della condivisione e scambio di esperienze e buone pratiche che prevedano l'uso delle ITC nella didattica. Gli alunni della nostra classe 2.0 e la scrivente, in qualità di docente, siamo stati chiamati, recentemente, a rispondere ad un sondaggio on line, nel sito di European Schoolnet a proposito dello sviluppo della scuola italiana ed europea nei prossimi cinque anni.

european_shoolnet.gif

DSCF1236.JPG

La conferenza internazionale è stata connessa al piano "Scuola Digitale", il progetto che ricerca e approfondisce il rapporto fra nuove tecnologie e processi formativi, incoraggiando modelli innovativi sia a livello pedagogico che organizzativo. Il processo innovativo centra tutta l'attenzione sulle dinamiche di innovazione che l'integrazione delle tecnologie possono attivare piuttosto che sulla tecnologia e l'informatica in senso stretto.
Il programma completo della conferenza è disponibile all'URL:
http://www.scuola-digitale.it/eventi/scuole-2.0/

Sono intervenuti alla conferenza studiosi ed esperti provenienti da prestigiose istituzioni nazionali e internazionali, oltre a dirigenti scolastici, docenti e importanti attori del mondo della scuola.
I lavori sono stati introdotti da Giovanni Biondi, Capo Dipartimento per la Programmazione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e Stefania Fuscagni, Commissario straordinario ANSAS con un massiccio intervento a sostegno dell'importanza delle ICT nella didattica. Ha sottolineato come le nuove tecnologie possano dare una risposta agli obiettivi primari della nostra scuola che sono quelli di far crescere il ragazzo nel modo più consapevole e metterlo nelle condizioni di sapersi/potersi esprimere liberamente con i più diversi mezzi. Tecnologie integrate per costruire un ambiente scolastico amichevole e per personalizzare il percorso di apprendimento dei nostri alunni. Ha ricordato come, attualmente, la scuola abbia confidato molto sul carisma dei propri insegnanti e come ci si ritrovi, oggi, dal punto di vista strutturale e architetturale, in un contesto simile a quello della riforma Gentile, quando la locomotiva, funzionava a vapore!

treno a vapore.jpg banchi.jpg

A seguire si sono alternati due panel che hanno visto protagoniste le scuole europee: il primo sulle modalità con cui le ICT possono supportare metodi innovativi nell'insegnamento e nell'apprendimento ("ICT to support innovative teaching/learning methods") e il secondo sulle innovazioni che le ICT stanno portando nell'organizzazione del tempo e dello spazio scolastico ("ICT to support innovative ways to organise school time and space as well as personalized teaching").

Nel pomeriggio un terzo panel ha aperto i lavori su come le tecnologie della comunicazione possano essere in grado di supportare le relazioni fra scuola, famiglia e territorio ("ICT to support schools build closer relationships with families and the local community").
Tutti gli interventi sono stati interessanti e alcuni anche suggestivi: esperienze dirette e buone pratiche legate alle ICT, da condividere nelle scuole d' Europa.
I relatori hanno saputo offrire, con l'ausilio di immagini e video spunti e riflessioni importanti per gli uditori della platea: idee da condividere e/o conforto per ciò che ciascuno, nel proprio ruolo, sta attuando nella realtà pedagogica in cui opera.
Fra i tanti esempi sono risultati affascinanti le esperienze:

1. The Gen Y project in Sint Lievenscollege http://geny.sintlievenscollege.be/
Ad-hoc teams composed of pupils of different ages and various talents do research about new learning technologies and develop attractive and interesting teaching methods based on their own needs and experiences.

DSCF1244.JPG

2. The Teacher Aid Project, where students teach teachers how to use different technologies in http://teacheraid.wordpress.com/

DSCF1249.JPG

3. No classroom, no strict timetable at the Hellerup school www.hellerupskole.dk

_Billede 052.jpg

_Billede 048.jpg

Sono intervenuti inoltre Reinhold Hawle, Head of Department for IT Systems for Education, Austrian Federal Ministry for Education, the Arts & Culture, e Marc Durando, Executive Director, European Schoolnet, che hanno illustrato tre importanti progetti europei volti a promuovere l'innovazione nella scuola, rispettivamente: ENIS-European Network of Innovative Schools,

r_enis2.gif

iTEC (Innovative technologies for an engaging classroom) project

ITEC_logo_20110218055727.jpg

e eTwinning il programma europeo di gemellaggio elettronico.

eTwinningLogoFlat.gif.png

DSCF1287.JPG

A conclusione dei lavori è stato significativo l'intervento di Rossella Schietroma, Dirigente della Direzione generale per gli studi, la statistica e i sistemi informativi del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca che ha sintetizzato il profondo cambiamento che la società sta attraversando in tempi sempre più rapidi: 'la realtà è aumentata e si deve naturalizzare nella realtà scolastica. I visionari e i sognatori partono in avanscoperta, la Scuola poi, analizzati i risultati delle innovazioni, ha l'obbligo di dare risposte mirate'.

I lavori si sono svolti in lingua veicolare inglese con il servizio di traduzione simultanea.

Alcuni momenti della conferenza:

DSCF1242.JPG

DSCF1259.JPG

DSCF1265.JPG

DSCF1280.JPG

Continue reading "Conferenza Internazionale "Implementing 21st century ways of learning and schooling"" »

11.04.11

Pictures at an Exhibition (Modest Petrovich Mussorgsky) Narashino High School

Pictures at an Exhibition (Modest Petrovich Mussorgsky) Narashino High School

Continue reading "Pictures at an Exhibition (Modest Petrovich Mussorgsky) Narashino High School " »

18.02.11

Francesco Bajardi, un illustre musicista madonita

di Maria Rosa Mazzola


 Bajardi049.jpg
Francesco Bajardi

Dopo il 17 marzo del 1861 si assistette, in Italia, ad un periodo di risveglio della produzione ed esecuzione strumentale, oltre che ad un generale rinnovamento della cultura musicale italiana, già prevalentemente egemonizzata dal melodramma, il quale aveva avuto il grande merito di diffondere oltre alle apprezzate idee melodiche anche le idee e le aspirazioni patriottiche del popolo italiano in rivolta e proteso all'unificazione dell'Italia.

Il risveglio delle attività concertistiche e compositive strumentali coincise con la nascita di numerosi enti, organismi, licei musicali, istituzioni e società concertistiche che, prima a livello elitario, poi in una dimensione più popolare, diffusero il repertorio strumentale centroeuropeo e sollecitarono il recupero della tradizione strumentale italiana del Sei-Settecento per definire i caratteri di un nuovo stile nazionale.

Fino a quell'epoca era stato il pianoforte a ricoprire una molteplicità di ruoli sussidiari, aveva avuto spesso la funzione di ‘surrogato’ dell’orchestra nelle innumerevoli riduzioni pianistiche (a due, quattro, sei, otto e addirittura sedici mani) nella fase di lettura di una partitura orchestrale, e, ad eccezione del quartetto, era presente in quasi tutte le formazioni cameristiche.

A partire dagli anni successivi all’unificazione dell'Italia, il suo impiego si evolse sempre più, nel senso di un’emancipazione dagli altri strumenti, fino a raggiungere un inedito grado di autonomia. Nell’arco di pochi decenni si assistette a una vera e propria trasformazione della figura del pianista sia dal punto di vista performativo che compositivo. Lo dimostra la scelta del repertorio eseguito nei concerti solistici per pianoforte, sempre più diffusi nelle principali città italiane.

In questo quadro storico-musicale si inserisce l'opera del pianista e compositore Francesco Bajardi, nato a Isnello (PA) il 23.6.1867.

Francesco Bajardi fu allievo, a Palermo, del M.° Caracciolo (pianoforte) e del M.° Platania (composizione). A Roma studiò composizione con i M.i De Sanctis e Falchi e pianoforte con il grande M.° Giovanni Sgambati, allievo di Franz Listz.
In qualche autorevole recensione si dice che lo stesso Bajardi fu allievo di Listz.

Il Bajardi si esibì a Londra nel 1884, vinse il premio Casa musicale F. Boisselot nel 1885 e il premio pianistico Franz Liszt nel 1893. Nel 1894 diede un concerto a Pietroburgo. Partecipò attivamente alla vita musicale romana e italiana del periodo post-unitario insieme ad altri suoi importanti amici, allievi anch'essi del Maestro Sgambati: Ernesto Consolo, Ezio Camussi, Fanny Davies, Maria Andreoli e altri.

Erano famose, a Roma, a partire dagli anni sessanta, Le Matinées musicales, concerti programmati dai musicisti romani che si tenevano, settimanalmente, in alcuni periodi dell’anno, e si svolgevano alle due e mezza o alle tre del pomeriggio in celebri ed eleganti sale, pubbliche e private.
I programmi coinvolgevano, come d’uso all’epoca, vari strumentisti e talvolta anche cantanti.
Per citare Martinotti a fine secolo «la Roma musicale era interamente nelle mani di Sgambati e Pinelli».

5191991092_54c370bed9.jpg

g sgambati.jpg
Giovanni Sgambati


Nel 1895, a Roma, si inaugurarono, per iniziativa del Conte Enrico di San Martino e Valperga, i concerti della Regia Accademia di Santa Cecilia, che si tenevano nella sala restaurata l’anno precedente per «adunare gli alunni per le esercitazioni, pei saggi», e dare «agio all’Accademia di iniziare [...] pubblici concerti».
I concerti dell’Accademia di Santa Cecilia misero in atto negli ultimi anni del secolo iniziative per eseguire compositori italiani. Alcune di queste furono il concerto del 16 dicembre 1897 in cui Francesco Bajardi eseguì Dans les bois di Franz Listz e il concerto del 23 dicembre 1897 in cui suonò la Quarta Ballata di Chopin e il Presto op.7 n.7 di Mendelssohn.

Fra le novità di repertorio dei concerti di quegli anni vanno segnalati, inoltre, alcuni pezzi inclusi da Francesco Bajardi nei programmi delle quattro «audizioni private» tenute assieme alla violinista Teresina Tua il 2, il 9, il 16 e il 23 dicembre 1897. Fra essi la Gavotta variata di Rameau, la Fantasia e fuga in Sol minore di Bach e l’Aria e Giga di Scarlatti. Per il resto Bajardi si mantenne su strade battute, con pezzi romantici degli autori maggiori, ma inserì nei suoi programmi anche uno Studio di concerto di Sgambati e due pezzi di sua composizione: Romanza e Toccata.

Nel 1898 un'altro progetto importante, che celebrò Bajardi, fu il ‘Concerto degli alunni licenziati dal Liceo Musicale’ che si tenne il 14 febbraio, con alcuni pezzi sinfonici diretti da Pinelli, fra cui il Concerto per pianoforte e orchestra di Bajardi, ormai giovane promessa della scuola compositiva romana.
Si ha notizia inoltre di altre manifestazioni a sostegno dei compositori italiani come, per esempio, la promozione di tre concerti monografici integralmente dedicati alle composizioni di tre musicisti italiani fra cui lo stesso Bajardi, che si cimentò in un recital integrale composto esclusivamente di sue composizioni pianistiche il 5 marzo 1899:
Sonata
Improvviso
Notturno
Filatrici
Valzer
Capriccio.

Il Conte Enrico di San Martino e Valperga fu una importante figura del mondo culturale romano ed italiano che giudò l'Accademia di Santa Cecilia dal 1895 al 1947 anno della sua scomparsa e a cui Bajardi, con nota autografa, inviò in omaggio nel novembre del 1906 due sue composizioni Chant de Bergers- Novelletta per pianoforte e Fantasia-Improvviso per pianoforte.

conteenrico.jpg
Conte Enrico di San Martino e Valperga

Quella del Conte di San Martino è una figura poco conosciuta dal grande pubblico, poco e nulla studiata. Si deve a lui la creazione, nel 1908, dell' Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia di Roma. Il conte di San Martino poi fu anche Presidente dell'Esposizione del 1911 e senatore del Regno d'Italia. Il suo impegno politico contribuì ala nascita della scuola di cinematografia, oggi Centro sperimentale di cinematografia, e quella di recitazione intitolata a Eleonora Duse, l’odierna Accademia Nazionale d’arte drammatica a testimonianza della vastità di vedute di questo importante personaggio della vita culturale romana.

Bajardi autografo054.jpg


Bajardi autografo051.jpg


 Bajardi autografo053.jpg
dedica autografa di F. Bajardi 1906

Vittorio emanuele il conte enrico s martino e oppio.JPG
Vittorio Emanuele III e il Conte Enrico di San Martino e Valperga -
Vittorio Emanuele III inaugura la Terza Quadriennale d'Arte Nazionale al Palazzo delle Esposizioni

Opere di Francesco Bajardi:
• Trois Morceaux: Chant d'Amour - Gavotte - Feuille d'Album (con dedica al conte Giuseppe Lanza di Mazzarino)
• Preludi per pianoforte (A le signorine Elisa e Antonietta Amati)
• Ballata in Do minore (A la signorina Fanny Allievi)
• Sonata per pianoforte
• Chant de Bergers - Novelletta (A la signorina Elena Incisa di Camerano)
• Fantasia-Improvviso (A la signorina Maria Lippi)
• Valse Caprice op. 4
• Toccata op.10 (Alla Contessa Virginia di Somaglia)
• 3.me Nocturne op.11 (A la signora Maria Emma Luzzatto)
• Improvviso
• Notturno
• Filatrici
• Valzer
• Capriccio
• Romanza
• Concerto per pianoforte e orchestra.

Francesco Bajardi fu docente di pianoforte al Conservatorio S. Cecilia in Roma.
Il Conservatorio istituito nel 1919 succedeva al Liceo musicale di Roma e ancora prima, ad opera del M.°Sgambati, alla Scuola per giovani non abbienti che intendessero dedicarsi allo studio della musica, presso la pontificia Accademia di S. Cecilia.

conservatorio_santa_cecilia.jpg
Sala Accademica Conservatorio S. Cecilia Roma

Il M.° Sgambati insieme al M.° Spinelli, nel 1870, avevano ottenuto dei locali in via dei Greci (attuale sede del Conservatorio di S. Cecilia) proprio per la meritoria iniziativa didattica.

Conservatorio di Roma giardino.jpg
chiostro interno

Francesco Bajardi nel 1926 fu componente di una delle dieci commissioni ministeriali incaricate di redigere i programmi di esame dei vari corsi di strumento. Si occupò dei programmi di pianoforte e organo insieme a Francesco Cilea, Alfredo Casella, Remigio Renzi, Florestano Rossomandi, Ernesto Consolo e Luigi Ferrari-Trecate. Le dieci commissioni agirono sotto la supervisione di una commissione preposta alla formulazione dei criteri direttivi e al coordinamento dei lavori formata dai Maestri Ildebrando Pizzetti, Francesco Cilea, Giuseppe Mulè, Vincenzo Tommasini, Alberto Franchetti e Alfredo Casella. I verbali di questi lavori sono conservati presso l'Archivio Centrale di Stato.

Gli allievi del Bajardi hanno ricordato con affetto e grande dedizione il loro Maestro: Dante Alderighi da Taranto, Mario Bartoccini che è noto per aver scritto con Aldo Mantia un manifesto futurista sull'improvvisazione musicale (1921), Carlo Zecchi il quale giudicò sempre prezioso lo studio con Francesco Bajardi, e che riconosceva in quel suo primo maestro soprattutto una inclinazione poetica, tratto che lo metteva in competizione con Sgambati, allora idolo del pubblico romano.
E' di Carlo Zecchi una rara incisione del 1926 della Ballata in do minore di Bajardi.

Ballata Bajardi p2034.jpg

Ballata in do Minore di F. Bajardi, incisione del 1926, pianista Carlo Zecchi Download file


4009850016007.jpg


FotoHome1.gif
Carlo Zecchi

Zecchi-Carlo-07[1976].jpg
Carlo Zecchi

Francesco Bajardi morì a Roma il 17 settembre 1934. La casa natale di Isnello, in Corso Vittorio Emanuele, espone una targa commemorativa dei suoi natali madoniti e la storica Banda Musicale di Isnello è intitolata al suo nome.

targa Bajardi.png

IMG_0173.JPG
Isnello - Corso Vittorio Emanuele

banda isnello.jpg
Storica banda Musicale F. Bajardi Isnello in corteo

Prof.ssa Maria Rosa Mazzola
18 02 2011


Continue reading "Francesco Bajardi, un illustre musicista madonita" »

02.02.11

Tutorial Photo Flash Maker

Tutorial per la gestione del software Photo Flah Maker.
Software per la gestione audio/video delle immagini.
Buon lavoro!

Prof.ssa M.R. Mazzola

Continue reading "Tutorial Photo Flash Maker" »

08.01.11

150 anni dell’Unità d’Italia – O Patria mia! La musica e il sentimento patriottico OPERE LIRICHE

009fig022%20VivaVERDI.jpg


direttore_d_orchestra_anim.gif

Classe 3A

Nabucco di Giuseppe Verdi


TRAMA Parte I - Gerusalemme

Gli Ebrei riuniti nel tempio di Gerusalemme piangono la loro sconfitta nella guerra contro i babilonesi. Zaccaria, il Gran Sacerdote, li invita a non disperare perché il Dio di Israele ha dato un segno del suo potere: Fenena, la figlia del re assiro, è loro prigioniera. Il giovane Ismaele, nipote di Sedecia re d'Israele, reca la notizia dell'imminente arrivo di Nabucco e del suo esercito. Quando Zaccaria gli affida la custodia di Fenena, egli riconosce la fanciulla che l'ha salvato dalla prigione al tempo della sua missione di ambasciatore a Babilonia. Ismaele, che ama riamato la figlia del suo nemico, intende ora ricambiare tanta generosità ma, mentre sta per trarre in salvo la fanciulla, viene fermato da Abigaille - una schiava ambiziosa ritenuta la seconda figlia di Nabucco - che irrompe nel tempio alla testa di un manipolo di guerrieri assiri travestiti da ebrei. La donna propone al giovane, di cui è anch'essa innamorata, uno scambio: il suo amore contro la salvezza del popolo ebraico. Ma Ismaele la respinge. Una folla di ebrei in fuga cerca invano rifugio nel tempio invaso dai nemici. Nabucco giunge con i suoi fino alla sacra soglia e Zaccaria lo sfida avvertendolo che se tenterà di profanarla Fenena sarà uccisa. Il re dapprima finge di esitare ma poi, deciso a distruggere ad ogni costo il regno d'Israele, sfida il Sacerdote ed ordina agli ebrei di prostrarsi davanti a lui. Zaccaria reagisce alzando il pugnale su Fenena ma Ismaele ferma la sua mano e libera la fanciulla attirando su di sé l'ira del suo popolo, che lo accusa di tradimento. Nabucco ordina di saccheggiare il tempio, mentre Abigaille si ripromette di cancellare dalla faccia della terra il popolo maledetto cui appartiene l'uomo che l'ha respinta.

Parte II - L'empio

Abigaille, sola negli appartamenti reali, tiene fra le mani una pergamena sottratta a Nabucco, che attesta le sue umili origini di schiava. La sua rabbia esplode in una furia incontenibile alla notizia che Fenena, nominata Reggente dal padre, ha dato ordine di liberare tutti gli ebrei. Ormai Abigaille è decisa a tutto pur di impossessarsi del trono.
Zaccaria, prigioniero degli assiri, entra in una sala della reggia seguito da un Levita che reca le Tavole della Legge e, dopo aver sollecitato Iddio a parlare attraverso il suo labbro, si ritira.
Ismaele, convocato dal Pontefice per rispondere del suo tradimento, è maledetto dai Leviti, ma Anna, sorella di Zaccaria, lo difende; il giovane infatti non ha salvato la vita ad un'infedele bensì ad un'ebrea, giacché la figlia del re nemico si è nel frattempo convertita alla Legge.
La situazione precipita: in un rapidissimo susseguirsi di eventi Abigaille irrompe in scena con il suo seguito e pretende da Fenena la corona, ma Nabucco, creduto morto in battaglia, giunge e richiede per sé la corona. Poi comincia a deridere il Dio Belo, che avrebbe spinto i prigionieri a tradirlo, e dopo anche il Dio degli ebrei. Esige di essere adorato come l'unico Dio, minacciando di morte Zaccaria e gli ebrei se non si piegheranno al suo volere. Subito dopo il Dio degli Ebrei scaglia un fulmine sul suo capo, la corona cade al suolo e il re comincia a manifestare segni di follia. La corona viene prontamente raccolta da Abigaille.

Parte III – La profezia

Abigaille, seduta sul trono accanto alla statua d'oro di Belo, nei giardini pensili di Babilonia, riceve l'omaggio dei suoi sudditi. Quando il Gran Sacerdote le consegna la sentenza di condanna a morte degli ebrei, la regina si finge ipocritamente incerta sul da farsi. All'arrivo del re spodestato – in vesti dimesse e con lo sguardo smarrito – l'usurpatrice cambia atteggiamento e gli si rivolge con ironica arroganza, dando ordine di ricondurlo nelle sue stanze. Quindi lo avverte di essere divenuta la custode del suo seggio e lo invita perentoriamente a porre il regale suggello sulla sentenza di morte degli ebrei. Il vecchio re esita, Abigaille lo incalza accusandolo di viltà e alla fine Nabucco cede. Ma lo coglie un dubbio: che ne sarà di Fenena? Abigaille, implacabile, afferma che nessuno potrà salvare la fanciulla e gli ricorda che anch'essa è sua figlia. Ma il re la sconfessa: ella è solo una schiava. La donna trae dal seno la pergamena che attesta la sua origine e la fa a pezzi. Il re, ormai tradito e detronizzato, nell'udire il suono delle trombe che annunciano l'imminente supplizio degli ebrei chiama le sue guardie, ma esse giungono per arrestarlo obbedendo agli ordini della nuova regina. Confuso e impotente, Nabucco chiede invano ad Abigaille un gesto di perdono e di pietà per la povera Fenena.
Sulle sponde dell'Eufrate gli ebrei, sconfitti e prigionieri, ricordano con nostalgia e dolore la cara patria perduta (coro: Va', pensiero, sull' ali dorate). Il Pontefice Zaccaria li incita a non piangere come femmine imbelli e profetizza una dura punizione per il loro nemico: il Leone di Giuda sconfiggerà gli assiri e distruggerà Babilonia.
Parte IV – L'idolo infranto

Nabucco, solo in una stanza della reggia, si sveglia da un incubo udendo alcune grida e, credendole segnali di guerra, chiama i suoi prodi a raccolta per marciare contro Gerusalemme. Tornato in sé all'udire altre voci che ripetono il nome di Fenena, egli si affaccia alla loggia e vede con orrore la figlia in catene. Disperato, corre alla porta, tenta invano di aprirla e infine, rendendosi conto di essere prigioniero, cade in ginocchio e si rivolge al dio di Giuda invocando il suo aiuto e chiedendogli perdono. Come in risposta alla sua preghiera, sopraggiunge il fedele ufficiale Abdallo con un manipolo di soldati, restituendogli la spada e offrendosi di aiutarlo a riconquistare il trono.
Nei giardini pensili di Babilonia passa il triste corteo degli ebrei condotti al supplizio. Zaccaria conforta Fenena incitandola a conquistare la palma del martirio; la fanciulla si prepara a godere delle gioie celesti. L'atmosfera mistica è interrotta dall'arrivo di Nabucco che, alla testa delle sue truppe, ordina di infrangere la statua di Belo. Miracolosamente, «l'idolo cade infranto da sé». Tutti gridano al «divino prodigio», Nabucco concede la libertà agli ebrei, annunzia che la perfida Abigaille si è avvelenata e ordina al popolo d'Israele di costruire un tempio per il suo Dio grande e forte, il solo degno di essere adorato. Mentre tutti, ebrei ed assiri, s'inginocchiano invocando l'«immenso Jehova», entra Abigaille sorretta da due guerrieri: la donna confessa la sua colpa e invoca il perdono degli uomini e di Dio prima di cadere esanime. Zaccaria rivolge a Nabucco l'ultima profezia: «Servendo a Jehova sarai de' regi il re!».

La Battaglia di Legnano di Giuseppe Verdi


Macbeth di Giuseppe Verdi

Andrea Chènier di Umberto Giordano

Classe 3B

direttore_d_orchestra_anim.gif

Aida di Giuseppe Verdi


Giovanna d'Arco di Giuseppe Verdi

I Lombardi alla prima crociata di Giuseppe Verdi

I Puritani di Vincenzo Bellini

Classe 3 C

direttore_d_orchestra_anim.gif

I vespri siciliani di Giuseppe Verdi


Attila di Giuseppe Verdi


L'italiana in Algeri di Gioacchino Rossini

Tancredi di Gioacchino Rossini


Continue reading "150 anni dell’Unità d’Italia – O Patria mia! La musica e il sentimento patriottico OPERE LIRICHE" »

150 anni dell’Unità d’Italia – O Patria mia! La musica e il sentimento patriottico ISTRUZIONI METODOLOGICHE

150° anniversario dell’Unità d’Italia – O Patria mia! La musica e il sentimento patriottico


logo150UnitaItalia.jpg


Agli alunni delle classi coinvolte nel progetto

La Musica, nell’età del Risorgimento, servì alla causa nazionale. Questo Corso, destinato alle tre classi terze A B C e alla cl@sse seconda A 2.0 sperimentale tecnologica della Scuola Secondaria di I grado G.B.Piranesi di Roma , tratterà il tema Musica/sentimento patriottico.


Cari studenti, avrete modo di apprendere/apprezzare il ruolo sostanziale che la Musica ha avuto nell’Ottocento attraverso l’ascolto e l’analisi di opere liriche espressive dei sentimenti patriottici, di canti popolari del risorgimento e canti di lode alla Patria anche di epoca post risorgimentale.

Il processo di lavoro sarà articolato in forma attiva, collaborativa e condivisa, con l’ausilio degli strumenti tecnologici della rete, di questo blog di una piattaforma LMS e si modellerà in progress.

Siete organizzati in quattro gruppi di lavoro: le tre classi terze A, B, C esamineranno il mondo dell'opera lirica. La cl@sse 2.0 seconda A esaminerà il settore dei canti patriottici popolari e si occuperà di realizzare uno spot divulgativo dell'evento 150 anni dell'Unità d'Italia da pubblicare in rete.

Sarete supportati da due forum, didattico e tecnico e da una chat per la condivisione di curiosità, problematiche, idee, per gestire modalità e appuntamenti di lavoro collaborativo e altro nell'ambiente della piattaforma LMS.

Potrete disporre di materiali: audio, video, immagini, testi, elenchi sitografici e bibliografici. Sarete coinvolti in laboratori didattici per la rielaborazione dei materiali: compiti, wiki, glossario, database e test di autovalutazione.

Patto formativo da condividere:
rispetto delle regole, degli altri, dei tempi, delle scadenze. Visione quotidiana delle News in piattaforma, per prendere visione delle novità.

A tutti noi...buon lavoro!
Prof.ssa Maria Rosa Mazzola

Settori di intervento delle classi 3 ABC e cl@sse 2.0 2A

Classi terze A B C: Ascolto e analisi di opere liriche espressive degli ideali patriottici. Racconti, aneddoti, storia, analisi del rapporto musica/risorgimento.
Ogni classe dovrà trattare le opere assegnate e svolgere le attività di laboratorio della sezione LABORATORIO OPERE LIRICHE e GLOSSARI, avendo cura di rispettare i modi e i tempi di consegna previsti.

Cl@sse 2.0 2A: Ascolto e analisi di canti popolari della patria e canti di lode all’Italia. Realizzazione di uno spot pubblicitario celebrativo dell’anniversario dei 150 anni dell’Unità d’Italia.

Ogni studente delle classi terze A B C sceglierà una delle opere comprese nell'elenco contenuti opere liriche.
Dovrà ricercare materiali audio, video, immagini, testi, libretto, curiosità, biografie del compositore e del librettista, notizie sul teatro della prima esecuzione e altro...dopo avere selezionato e rielaborato i materiali scelti, dovrà realizzare una presentazione multimediale da consegnare, su supporto CD-Rom, alla scrivente, entro la fine di aprile 2011 e successivamente presentare al colloquio di esame di licenza media.

Ogni studente della cl@sse 2.0 2A dovrà trattare due canti patriottici tra quelli indicati sotto e svolgere le attività di laboratorio delle sezioni LABORATORIO CANTI PATRIOTTICI, GLOSSARI e CREATIVITA', avendo cura di rispettare i modi e i tempi di consegna previsti nello scadenzario del progetto.

La sezione MATERIALI è a disposizione, di tutti i gruppi, per disporre di alcune risorse di partenza e realizzare prodotti multimediali.

Contenuti


Opere liriche e arie


Classe 3 A

• G. Verdi - Nabucco - Va pensiero
• G. Verdi - La battaglia di Legnano - Viva l’Italia! - A chi smarriti e pallidi -
Digli ch’è sangue italico - Dall’Alpe a Cariddi echeggia vittoria!
• G. Verdi - Macbeth - Patria oppressa!
• U. Giordano - Andrea Chenier - Un dì all’azzurro spazio - Nemico della patria

Classe 3 B
• G. Verdi - I vespri siciliani - O tu Palermo, terra adorata – O patria adorata
• G. Verdi - Aida - O terra addio – O Patria mia
• G. Verdi - Giovanna D’Arco – Sotto una quercia parvemi - Sempre all’alba e alla sera
• V. Bellini – I Puritani – Suoni la tromba

Classe 3 C
• G. Verdi – I Lombardi alla prima crociata – O Signore dal tetto natio
• G. Verdi – Attila – Santo di Patria indefinito amor – Ella in poter del barbaro!
• G. Rossini – L’Italiana in Algeri – Pensa alla patria.
• G. Rossini - Tancredi - O patria! Dolce e ingrata patria


Canti popolari della patria

Cl@sse 2A
• Inno di Mameli
• La ronda
• Inno della Repubblica partenopea
• Inno nazionale
• Inno degli studenti del ‘48
• Inno del ‘48
• La stella dei soldati
• La bandiera tricolore
• I tre colori
• Inno a Garibaldi
• Io vorrei che a Metternicche
• Garibaldina
• Garibaldi fu ferito
• Ai morti per la patria
• La bella Gigogin
• L’addio del volontario toscano
• A Tonina Marinello
• All’armi! All’armi!
• Giovani ardenti
• A ferro freddo
• Delle spade il fiero lampo
• Camicia rossa
• La rondinella di Mentana
• Inno di Oberdan
• Addio del volontario
• La canzone del Piave
• L’addio del bersaglier
• Le campane di S. Giusto
• Viva l’Italia.


logo150UnitaItalia.jpg

Continue reading "150 anni dell’Unità d’Italia – O Patria mia! La musica e il sentimento patriottico ISTRUZIONI METODOLOGICHE" »

11.10.10

Il piccolo principe...10 anni di esplorazioni

C'era una volta...
un gruppo di alunni (IH e 2C 2000-01), un libro di Saint- Exupery, Il piccolo principe, un audioascolto de Il Piccolo principe, una Scuola ai primi passi nella tecnodidattica...bisognava usare strumenti personali...i pc e le aule multimediali arriveranno tanto tempo dopo...

piccolo_principe1.jpg

la fantasia e...il cuore sono stati un ottimo motore per esplorare i siti lontani dentro di noi...ma, come dice il piccolo principe, il segreto è:


imagesCA0QNYPO.jpg


piccolo.jpg

Visualizza il file in flash del lavoro multimediale realizzato dalla classe 1H 2000-01
Download file

IIC%20Il%20Piccolo%20Principe%202000-01.jpg

Visualizza il file in flash del lavoro multimediale realizzato dalla classe 2C 2000-01
Download file

Noi ricordiamo ancora con affetto questo lavoro...nonostante il tempo trascorso, le esperienze e le nuove tecnologie a disposizione.
Dedico questo post a Paola Sala e ai suoi alunni di Cerro Maggiore (MI) con i miei saluti e auguri di Buon...Piccolo principe anche a voi
Prof.ssa M.R. Mazzola

Continue reading "Il piccolo principe...10 anni di esplorazioni" »

05.10.10

La Primavera di A. Vivaldi I mov. Allegro Audioguida all'ascolto con la LIM

 

Lezione di audioguida all'ascolto con la LIM della cl@sse 2.0 1A 2009-10 della Scuola Secondaria di I grado a cura della Prof.ssa M.R.Mazzola

Clicca quì per scaricare il progetto metodologico-didattico in pdf
Download file

Visualizza il progetto metodologico -didattico in versione e-book

Lezione con la LIM Videoascolto La Primavera di A. Vivaldi

Visualizza il videoascolto in versione e-book

La Primavera di A. Vivaldi _ Videoascolto cl@sse 2.0 Piranesi Roma

primavera072.jpg

Documento di Sara Martucci classe 3A 2010-11

Continue reading "La Primavera di A. Vivaldi I mov. Allegro Audioguida all'ascolto con la LIM" »

28.06.10

Videoascolto - La primavera di A. Vivaldi Cl@sse 2.0 1A 2009-10

la primavera di A.Vivaldi.jpg


scarica quì il file zippato del videoascolto
Download file

30.05.10

La nostra cl@sse 2.0...cresce!

febbraio 010 025.jpg


la nostra cl@sse 2.0...cresce!

febbraio 010 032.jpg

http://www.scuola-digitale.it/classi-2-0/il-progetto/introduzione-2/

23.04.10

Johann Sebastian Bach - Classi 1 A-B-C

rappresentazione grafica di Toccata e fuga in Re min. di J.S.Bach

Toccata e fuga in Re min SYdney Town Hall


Rappresentazione grafica di "Piccola fuga"


Piccola fuga per una insolita band...

Piccola fuga di Bach all'organo

27.01.10

La nostra Cl@sse 2.0 e l'equipe del Prof. Maragliano dell'Università Roma Tre


Il giorno 22 gennaio, nel pomeriggio, abbiamo incontrato i nostri tutor dell'Università Roma 3.

Ringrazio, anche a nome del nostro Dirigente Scolastico e dei colleghi del consiglio di classe, il prof. Maragliano, il prof. Sapuppo e il prof. Lucci per le idee, i suggerimenti e le suggestioni che hanno voluto condividere con noi.

Vi trasferisco alcuni elementi di osservazione, scaturiti nel corso dell'incontro, per condividere, con tutto il gruppo di lavoro del Lazio, con alunni e genitori, spunti e idee:
1. La Scuola non è al passo con i cambiamenti strutturali della società, percorrere strade di rinnovamento e adeguamento è ormai inevitabile;
2. La struttura della società, la vita lavorativa delle persone e il loro tempo libero sono sempre più orientati al network, occorre definire la propria identità nella rete, non averne paura e affidarsi, semmai, nell'organizzazione didattica, alla tutela che offre una piattaforma.
3. Usare la piattaforma nel quotidiano scolastico (a tal proposito: usare più frequentemente, proficuamente e anche in modo naturale, la nostra piattaforma di cl@sse 2.0);
4. Importanza della condivisione delle soluzioni didattiche sia all'interno del consiglio di classe che tra docenti impegnati nella stessa opera di cambiamento in altre sedi scolastiche;
5. Obiettivo finale: creare un clima generale di fiducia nell'attività scolastica e tanta voglia di comunicare.

Un momento importante, per lo sviluppo del nostro progetto, è stato l'incontro con i nostri ragazzi della cl@sse 2.0 e le loro famiglie.
Mi piace ricordare l'emozione che ho letto negli occhi dei nostri alunni, e...l'attesa, per tutta la mattinata, e... la loro rinuncia ad impegni 'importanti', per essere presenti...

L'incontro è stato proficuo e interessante e ringrazio tutti per il clima cordiale e piacevole che è stato possibile realizzare.
Prof.ssa Mazzola

Continue reading "La nostra Cl@sse 2.0 e l'equipe del Prof. Maragliano dell'Università Roma Tre" »

16.10.09

Presentazione Cl@ssi 2.0 S.M.S. G.B.Piranesi Roma

logoata_login.gif


 


Scarica la presentazione in formato. pps

Scarica il file


Continue reading "Presentazione Cl@ssi 2.0 S.M.S. G.B.Piranesi Roma" »

18.09.09

Cl@ssi 2.0 2009-10 alla S.M.S. G.B. Piranesi di Roma

Montecatini 086.jpg

classi_2_0.jpg

Montecatini 081.jpg


Libro di testo elettronico, lavagna interattiva multimediale (Lim) e una forte sperimentazione condotta nelle Cl@ssi 2.0. Sono le direttrici di quest'anno scolastico per accelerare il passaggio della scuola verso un utilizzo più diffuso delle tecnologie dell'informazione della comunicazione.

Seguirà il trasferimento di contenuti dei libri di testo, dal cartaceo al digitale, che comunque dovrà essere compiuto obbligatoriamente per legge entro il 2011. Le Lim sono state individuate dal ministero dell'Istruzione nel piano d'intervento «La scuola digitale» (analogamente a molti altri Paesi), come la tecnologia chiave per impostare una didattica collaborativa che coinvolge molto più attivamente gli studenti e ristruttura profondamente il lavoro di insegnamento in classe.

Scomparsa la tavola di ardesia, gli oggetti (testi, immagini, link eccetera) proiettati sullo schermo della classe diventano disponibili all'interazione di studenti e docenti. Il ministero dell'Istruzione, supportato dall'Agenzia per lo sviluppo scolastico (ex Indire), ha avviato una prima fase, iniziata nel gennaio 2009, che ha visto più di 11mila richieste di assegnazione di Lim e 40mila insegnanti che hanno deciso di partecipare alla formazione per poterle utilizzare. Il piano prevede che, nel corso di questo anno scolastico (2009-2010), 16mila lavagne saranno installate nelle classi della scuola di primo grado e che 25mila insegnanti inizino un percorso di formazione da settembre, raggiungendo in questo modo un bacino di oltre 350mila studenti.

Una spinta sulla via della sperimentazione dovrebbe venire da Cl@ssi 2.0: un progetto rivolto a 156 istituzioni scolastiche della scuola secondaria di primo grado, su 2300 richieste, che prevede di dotare una classe prima di una completa attrezzatura tecnologica (30mila euro di tecnologia per ogni classe). «L'intento dell'iniziativa – recita il bando di concorso per l'individuazione delle classi coinvolte nella sperimentazione che si è svolto prima dell'estate – è quello di realizzare ambienti di apprendimento adatti a un utilizzo costante e diffuso delle tecnologie nella quotidianità scolastica, al fine di verificare, in un triennio, come e quanto l'impatto possa intervenire nei processi formativi in un'epoca di trasformazioni dei linguaggi della comunicazione e della diffusione dei saperi». Il progetto avrà il supporto di diciotto università, una per regione.

Da così:

banchi.jpg


a così:

classe.jpg


Le cl@ssi che in Italia sperimenteranno il processo di innovazione sono 156, 12 nel Lazio e 4 a Roma.
La S.M.S. G.B. Piranesi , referente la Prof.ssa M.R.Mazzola, è stata selezionata per la sperimentazione cl@ssi 2.0, con la partecipazione della classe 1A. IL gruppo di lavoro sarà composto dai docenti del Consiglio di Classe, dal Prof. Roberto Maragliano dell'Università Roma 3, dall'USR, dai Nuclei Territoriali, dal MIUR e dall'Agenzia nazionale ANSAS.

La Scuola, inoltre, nel piano del progetto Scuola Digitale ha avuto l'assegnazione di 4 LIM.

classi_2_0.jpg

Continue reading "Cl@ssi 2.0 2009-10 alla S.M.S. G.B. Piranesi di Roma" »